Vacanze da sogno col bitcoin
Wiki

Vacanze da sogno col bitcoin

By Fabio Carbone - 30 Giu 2018

Chevron down

Read this article in the English version here.

Non hai più un euro in tasca perché i tuoi fondi sono tutti in criptovalute? Hai deciso di sposare il crypto style per sentirti come gli amici di Liberland? Già, ma adesso che è arrivata l’estate e vuoi andare in vacanza, come fare per pagare? Dove accettano bitcoin?

Puoi stare tranquillo, l’industria del turismo si sta attrezzando in molte parti del mondo.

Il Cugino decentralizzato per visitare il mondo

Cool Cousin è un’app che mette in contatto guide locali e turisti desiderosi di vivere una vacanza immersi nella cultura del luogo. Il simpatico cugino o cugina, che non conoscevi, ti porta in giro per la città e ti fa conoscere i locali migliori.

Dietro il progetto c’è una startup israeliana, che da alcuni mesi sviluppa un sistema per decentralizzare l’applicazione mobile. Al termine dell’implementazione del sistema decentralizzato, la guida turistica locale e il turista saranno in contatto diretto anche sul lato dei pagamenti mediante il token CUZ.

L’agenzia viaggi decentralizzata

Preferisci organizzare tutto da solo attraverso le compagnie viaggi online? Il viaggio organizzato online fai da te presto avrà uno strumento interessante dalla sua parte e promette di ridurre i costi, eliminando gli intermediari.

Le piattaforme decentralizzate Winding Tree e TravelChain, si pongono come dirette competitors di Expedia, Kayak, Booking.com, Agoda.

Hotel e compagnie aeree entrano in contatto diretto con il turista, che può prenotare la vacanza e pagare con il token LIF di Winding Tree o usare il travel token di TravelChain.

Uno smart contract generato sulle rispettive piattaforme digitali garantisce ambo le parti contro truffe e raggiri.

Brisbane: crypto accepted here

L’Australia è una terra magnifica, la sua natura ha qualcosa di ancestrale.

Atterrando nel continente attraverso l’aeroporto di Brisbane, ti sentirai sicuramente a tuo agio. Il terminal aeroportuale è da poco diventato amico delle criptovalute.

I negozi dell’area shopping sono dotati di POS digitali per il pagamento dei prodotti con le principali criptovalute: bitcoin, dash, ethereum e altre.

Non solo l’aeroporto, il distretto del divertimento Fortitude Valley, nel cuore storico della città, è noto come Crypto Valley: più di 20 negozi accettano pagamenti in criptomonete.

La crociera pagata in bitcoin

Atterrato a Brisbane vorresti poi fare una mini crociera verso la Nuova Zelanda, niente di più facile. Grazie ad eGifter compri la gift card Carnival Cruise Lines e prenoti la crociera verso le vulcaniche terre neozelandesi.

La card è utilizzabile per acquistare una crociera Carnival a scelta tra le principali rotte offerte. eGifter accetta bitcoin, ethereum, bitcoin cash, litecoin.

In alternativa, se i siti web all’antica non ti spaventano, c’è Ships and Trips Travel. Qui prenoti crociere made in USA e coast to coast.

Thailandia. Sull’isola di Phuket con il token OjuT

Oju Group gestisce hotel cinque stelle e ville esclusive sull’isola turistica di Phuket, in Thailandia.

Negli ultimi mesi il gruppo ha avviato la ICO ‘OjuT – The Travel Coin’ per sostenere un nuovo sistema blockchain dedicato ai turisti.

Lo OjuT coin servirà ai clienti per prenotare il soggiorno negli hotel o nelle ville riservate, pagare il trasporto, le attrazioni e le attività a pagamento da svolgere sull’isola.

Turismo spaziale

Se sogni in grande e hai già visto tutto, presto ci sarà una nuova prospettiva turistica da cui guardare il mondo.

Sir Richard Branson ha preso in parola i crypto lover e il loro motto: “To the Moon!” I prossimi viaggi turistici nello Spazio a bordo del vettore Virgin Galactic, si pagheranno anche in bitcoin.

Quanti bitcoin sono richiesti per andare nello spazio? L’equivalente di 250 mila dollari USA al prezzo corrente.

Fabio Carbone
Fabio Carbone

Writer freelance dal 2013 ha studiato informatica e filosofia ed anche un pizzico di sociologia. Nel 2016 ha scoperto la crypto economy e da allora scrive di blockchain e criptovalute, per approfondire un movimento che non è fatto solo di esperti matematici e crittografi, ma di gente che genera una nuova economia dal basso. Scrive dello stesso argomento su vari siti web di settore. Scrive di Industria 4.0 ed economia digitale in generale.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.