Per l’Austria le cripto sono security
Criptovalute

Per l’Austria le cripto sono security

By Fabio Lugano - 4 Lug 2018

Chevron down

Read this article in the English version here.

La FMA, l’organo di controllo finanziario austriaco, è molto preoccupata per l’evoluzione delle criptovalute e delle ICO nel paese transalpino.

E’ quanto traspare da un interessante articolo dell’organo Diepresse, che ha sentito sulla materia due membri del CDA dell’ente statale austriaco, Hemut Ettl e Klaus Kumpfmuller.

Il primo ha messo in luce come, secondo lui, sia necessaria addirittura una licenza parabancaria per poter operare nel settore delle criptovalute, anche a causa dell’alto numero di scam e di truffe che si sono nascoste all’interno del settore, riferendosi nello specifico al caso Optioment che ha colpito duramente l’Austria.

Nello stesso tempo Ettl cita anche una ricerca statunitense, di cui purtroppo non fornisce gli estremi, secondo la quale dietro l’80% delle ICO ci sarebbero elementi legati alla criminalità.

Il suo collega Kumpfmuller si spinge un po’ più nel dettaglio, affermando che la FMA dovrebbe trattare le ICO alla stregua di titoli azionari, per lo meno a partire da una certa soglia dimensionale che viene ipotizzata intorno ai  due milioni di euro di capitale raccolto.

In questi casi, secondo Kumpfmuller, la FMA dovrebbe richiedere la presentazione dei prospetti informativi e dei documenti richiesti alle società per azioni.

La FMA, sotto il pretesto del controllo del riciclaggio, sembra non voler perdere nessun, neppure minimo, potere sul sistema finanziario, assumendosi anche la volontà, la responsabilità, di regolare un mercato complesso e sovranazionale come quello delle criptovalute.

Per fortuna non tutti la pensano come FMA: infatti secondo il ministro delle finanze di Vienna, Hartwig Loger la responsabilità legislativa non può essere lasciata all’organo di controllo, ma deve restare a livello ministeriale ed ha affermato che “I poliziotti non possono scrivere le leggi”.

Fabio Lugano
Fabio Lugano

Laureato con lode all'Università Commerciale Bocconi, Fabio è consulente aziendale e degli azionisti danneggiati delle Banche Venete. E' anche autore di Scenari Economici, e conferenziere ed analista di criptovalute dal 2016.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.