Mercato giù, paura per il flash-crash di Monero
Mercato giù, paura per il flash-crash di Monero
Trading

Mercato giù, paura per il flash-crash di Monero

By Federico Izzi - 10 Lug 2018

Chevron down

Read this article in the English version here.

La generalizzata flessione dei prezzi di questa mattina li riporta ai livelli di venerdì scorso, colorando di rosso le prime 25 criptovalute a maggiore capitalizzazione.

Passando oltre il 18° posto occupato da Tezos (XTZ), controverso token, che questa mattina sale oltre l’8% dai valori di ieri.

Per trovare il primo segno verde con un rialzo sopra il 2%, bisogna scendere sino alla 28a posizione impegnata da Bitcoin Gold (BTG), poco sotto i $31.

Nonostante lo spunto positivo di questa mattina, il noto fork del codice di BTC, dopo quello più famoso di Bitcoin Cash (BTC) oggi a -2,3%, sembra ormai destinato a sparire segnando un ribasso del 95% dai massimi di metà novembre a 509 dollari.

In deciso ribasso anche Eos (EOS) e Neo (NEO), entrambe con ribassi oltre il 10%, seguite da Cardano (ADA), Iota (MIOTA) e Monero (XMR) poco sotto il 7% dalle quotazioni di ieri mattina.

Quest’ultima è stata oggetto  di un flash crash sull’exchange BitFinex poco dopo le ore 8:00 (UTC+2) con una perdita di oltre il 35%, passando da 131 a 83 dollari in meno di 10 minuti.

Su tutti gli altri maggiori exchange il prezzo oscilla poco sotto la soglia dei 130 dollari senza accusare particolari tensioni.

Torna nuovamente all’attacco del Bitcoin il governatore della BIS (Banca dei Regolamente Internazionali), Augustin Carsters, mettendo in guardia i giovani che vogliono minare le criptovalute dalla promessa di facili guadagni e dall’illusione di trovare una valida moneta alternativa a quella tradizionale.

Gli fanno eco tre noti economisti: Joseph Stiglitz, Kenneth Rogoff e Nouriel Roubini decretando la morte del bitcoin nei prossimi anni, oppure, nella migliore delle ipotesi per Rogoff – ex capo economista del FMI e professore alla Harvard University – il suo valore tornerà a 100 dollari entro i prossimi 10 anni.

Teorie dall’altra parte smentite sia da uno studio inglese condotto dall’Imperial College, il quale afferma che il Bitcoin, al momento inteso solo come riserva di valore, sarà il prossimo passaggio naturale del denaro, sia del noto funzionario statale e studioso francese sulla storia della moneta, Jean-Pierre Landau.

Lo stesso ha ammonito una severa regolamentazione da parte dei Governi, di un settore tecnologico attualmente difficile da inquadrare con i classici riferimenti con i quali siamo abituati.

Fonte: https://it.tradingview.com/symbols/BTCUSD/

Bitcoin (BTC)

Fallisce nuovamente l’ennesimo attacco della resistenza dei 6800 dollari. Da metà giugno si contano circa una decina i tentativi di rottura di questa soglia, diventato terreno di scontro tra orsi e tori.

Continua la formazione della spalla destra del possibile Testa&Spalle di inversione al rialzo. Nei prossimi giorni la sentenza definitiva.

Fonte: https://it.tradingview.com/symbols/ETHUSD/

Ethereum (ETH)

Per Ethereum, invece, continuano le difficoltà per affermarsi oltre i 500 dollari.

Dopo un primo tentativo vanificato nella seconda decade di giugno, l’attacco del fine settimana non è stato supportato dai volumi.

Tant’è che il prezzo torna ai livelli dove per tutta la scorsa settimana hanno noiosamente oscillato. Si rimane a distanza di sicurezza dai minimi di aprile.

Da solo questo, però, non basta per attirare nuovamente gli acquisti necessari ad affermare i prezzi sopra i 500 dollari.

Federico Izzi
Federico Izzi

Analista finanziario e trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.