banner
Banche, la sfida epocale della blockchain
Banche, la sfida epocale della blockchain
Blockchain

Banche, la sfida epocale della blockchain

By Fabio Lugano - 12 Lug 2018

Chevron down

Read this article in the English version here.

Il rapporto delle banche con il settore della tecnologia è in generale improntato ad un alternarsi di odio ed amore.

Del resto, ogni innovazione mette in gioco il ruolo degli istituti e i margini di intermediazione, anche se l’adozione per tempo di innovazioni rilevanti migliora la capacità competitiva.

La stessa dicotomia nei rapporti si presenta nel mondo della blockchain e delle criptovalute: vi è amore verso il primo aspetto e talvolta odio verso le seconde.

Abbiamo diversi casi di rifiuto di relazione tra banche e criptovalute, alternate a una serie di applicazioni della blockchain nel sistema bancario.

Si può partire dal bando recentissimo della Banca Centrale Indiana (RBI), per passare ai casi Citibank e Bank of America o delle banche irlandesi che chiudono i conti agli exchange. Fino a JP Morgan che rifiuta in modo secco ogni rapporto e a Chase Manhattan.

In realtà, il numero di banche che accettano un rapporto con il mondo delle criptovalute in modo aperto è molto ristretto.

Possiamo fare un elenco, come suggerito da banks.com:

  • Fidor Bank, Germania;
  • Change Bank, Estonia;
  • Worldcore bank, Repubblica Ceca;
  • Bakera, Regno Unito;
  • USAA bank, USA;
  • Goldman Sachs, USA
  • Simple Bank, USA;
  • Toronto Dominion Bank, Canada;
  • Royal Bank of Canada
  • National Bank of  Canada

Queste banche hanno esplicitamente affermato di accettare gli acquisti di altcoin con i propri mezzi di pagamento o le proprie carte di credito.

Ovviamente la lista di quelle che rifiutano è molto più lungo. Perché questa ostilità?

  • le criptovalute, con la loro volatilità sono viste come uno strumento eccessivamente rischioso, anche se, se questa fosse la preoccupazione del sistema bancario, dovrebbe anche vietare l’accesso ai siti di scommesse;
  • le criptovalute sono viste come fragili dal punto di vista della security, a causa dei numerosi hack avvenuti in passato;
  • le criptovalute sono uno strumento di disintermediazione creditizia, cioè hanno come finalità, diretta o indiretta, la riduzione del peso del sistema creditizio sia nei pagamenti, sia nel reperimento dei fondi finanziari, sia nell’intermediazione creditizia a breve termine, per cui tolgono significato all’esistenza stessa del concetto di banca.

Nello stesso tempo, a fianco di questa riluttanza, ci sono numerosissimi esempi in cui la blockchain, cioè la tecnologia base del mondo del criptovalute, viene integrata come strumento nelle transazioni bancarie: recentissimo è il caso del consorzio interbancario R3 che ha rilasciato la nuova versione della propria piattaforma “Corda” che effettua transazioni finanziarie tramite blockchain, JP Morgan, nemica di Bitcoin, partecipa allo sviluppo della DLT per la privacy, mentre la giapponese Mitsubishi Bank e il gruppo Akamai hanno sviluppato un sistema integrato di pagamenti tramite blockchain.

Secondo Accenture l’applicazione della Blockchain può portare a risparmi per oltre 10 miliardi di dollari.

Quindi il sistema creditizio ama la blockchain ma odia le criptovalute, anche se qualche banca, come Goldman Sachs sta facendo da pioniera in materia, con le prime assunzioni di personale specializzato sul tema. E lo fa anche lanciando la sua prima stable coin in collaborazione con Circle.

Fabio Lugano
Fabio Lugano

Laureato con lode all'Università Commerciale Bocconi, Fabio è consulente aziendale e degli azionisti danneggiati delle Banche Venete. E' anche autore di Scenari Economici, e conferenziere ed analista di criptovalute dal 2016.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.