Con Odem la Blockchain aiuta i rifugiati
Con Odem la Blockchain aiuta i rifugiati
Blockchain

Con Odem la Blockchain aiuta i rifugiati

By Rossana Prezioso - 1 Ago 2018

Chevron down

Read this article in the English version here.

Non più solo economia: l’uso della crittografia arriva anche nel settore umanitario, dopo essere stata usata in quello sanitario.

ODEM creatore del primo marketplace On-Demand Education al mondo, sta collaborando con l’ InternetBar.org Institute per creare attraverso la blockchain, dei certificati di formazione immediatamente disponibili e consultabili.

Nello specifico, la nuova strumentazione permetterà a tutti coloro che vivono in zone di guerra di avere (e quindi esibire in caso di richiesta) proprie credenziali digitali, favorendo così l’immediata identificazione di medici e personale sanitario e infermieristico in caso di necessità, ma anche di insegnanti e personale di supporto tra gli sfollati stessi.

Il vantaggio è immediato: fare affidamento su professionisti locali permetterà alle comunità di riguadagnare fiducia nelle organizzazioni internazionali, ma anche e soprattutto di avere un dialogo diretto con gli operatori.

Si tratta, come sottolineato, di un primo passo per aiutare queste comunità a riguadagnare l’autosufficienza anche attraverso la creazione di squadre di insegnanti ed educatori per formare a loro volta altre risorse nelle zone devastate dalle guerre o da altre calamità naturali.

Alimentata dal token ODEM, la piattaforma semplifica l’organizzazione e la distribuzione di offerte formative.

“Insieme possiamo usare la sicurezza della tecnologia blockchain per aiutare le persone più svantaggiate del mondo”, ha dichiarato Richard Maaghul , Chief Executive Officer di ODEM.

Secondo gli ultimi dati dell’UNHCR, l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, il numero delle persone sfollate nel mondo sfiora i 70 milioni.

Scott M. Akers, Blockchain Solutions Engineer di ODEM, ha spiegato:

“Questa iniziativa dimostra come le tecnologie emergenti, come la blockchain, possono fare una differenza positiva nella vita delle persone, indipendentemente dal loro status economico”.

Non è la prima volta che ODEM si trova impegnata in iniziative simili a favore dei rifugiati.

Risale a giugno la notizia della sua collaborazione, sempre con Internet Bar Organization, per aiutare a riorganizzare le comunità del popolo Rohingya nel sud-est asiatico (700mila persone), fuggite dal vicino Myanmar e ospitate nel campo profughi a Cox’s Bazar, in Bangladesh: durante la fuga i documenti di riconoscimento e le credenziali professionali spesso possono essere persi, confiscati dalle autorità o dimenticate nei paesi di origine.

Dimostrare le proprie capacità professionali in un’altra nazione, in un campo profughi dove non ci sono archivi, può essere difficile.

Attraverso la piattaforma creata da ODEM e IBO si potrà utilizzare la tecnologia blockchain per verificare e catalogare in modo sicuro le identità dei rifugiati.

Rossana Prezioso
Rossana Prezioso

Appassionatasi alle nuove frontiere dell’editoria online, ha deciso di approfondire ulteriormente le sue conoscenze dedicandosi allo studio dei cambiamenti culturali ed economici derivati dalla nascita della finanza hitech, sviluppando le tematiche riguardanti i nuovi modelli di business ad essa legati e le influenze geopolitiche della new economy criptovalute

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.