Zaif hack, 60 milioni di dollari in crypto rubati in Giappone
Sicurezza

Zaif hack, 60 milioni di dollari in crypto rubati in Giappone

By Ilaria Stirpe - 20 Set 2018

Chevron down

Oltre 60 milioni di dollari, ovvero 6.7 miliardi di yen sarebbero stati rubati in Giappone durante lo “Zaif hack“, un attacco hacker che ha colpito Zaif, un exchange giapponese con volumi che si aggirano intorno ai 72 milioni di dollari.

Read this article in the English version here.

Il Tech Bureau di Osaka, che gestisce l’exchange Zaif, ha spiegato che un loro server è stato hackerato e le crypto rubate sarebbero bitcoin, bitcoin cash e monacoin.

Ci rifiutiamo di dare ulteriori dettagli su come sia accaduto questo accesso illegale, è un crimine e abbiamo già chiesto alle autorità di investigare. Prepareremo delle misure in modo che gli asset dei clienti non saranno colpiti dall’attacco hacker”, aggiungendo che l’exchange riceverà supporto dallo shareholder Fisco Group.

Il Giappone è uno dei centri nevralgici di adozione delle crypto, con oltre 50,000 merchant che accettano bitcoin come metodo di pagamento.

All’inizio dell’anno, sempre il giapponese Coincheck aveva sospeso i depositi e i prelievi in crypto dopo un attacco hacker che gli era costato la perdita di oltre mezzo miliardo di dollari in NEM.

Le autorità giapponesi avevano poi ordinato la sospensione delle operazioni di due exchange.

Ilaria Stirpe
Ilaria Stirpe

Laureata con lode all'Università La Sapienza di Roma, consegue il master in Visual Merchandising specializzandosi in Marketing per le strategie comunicative dei Social. Precedentemente lavora come Web Writer, Seo Specialist e reporter per testate regionali online.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.