banner
Bitcoin, hashrate è aumentato del 550% in un anno
Bitcoin, hashrate è aumentato del 550% in un anno
Bitcoin

Bitcoin, hashrate è aumentato del 550% in un anno

By Adrian Zmudzinski - 25 Ott 2018

Chevron down

La potenza di calcolo destinata al mantenimento della blockchain di Bitcoin si è più che quintuplicata nel corso di un anno, questo è quanto portato all’attenzione ieri da un utente su Twitter.

Read this article in the English version here.

Stando alle statistiche riportate da Blockchain.com, infatti, il 25 ottobre dell’anno scorso l’hashrate totale della blockchain della più famosa tra le criptovalute ammontava a 11.006.184 TH/s.

Oggi, esattamente un anno dopo, la potenza di calcolo sfruttata da questa rete è di ben 40.347.952 TH/s.

Questo perché la potenza ha registrato un sensibile calo rispetto a 2 giorni fa quando l’hashrate ammontava a quasi 55 milioni TH/s come riportato nel tweet.

L’importanza di questo dato

Secondo molti l’hashrate è la proprietà più importante di una blockchain PoW. Il motivo di questa opinione è che questo determina quanto una data rete è sicura.

L’hashrate determina quanta potenza occorre per condurre con successo un attacco 51% su una blockchain.

L’attacco 51% è un possibile attacco alla rete di Bitcoin o alle altre blockchain PoW. Questo consiste nel prendere il controllo di oltre la metà del hashrate di una rete per ottenere la capacità di riscrivere le transazioni e poter spendere uno stesso importo due volte.

L’aumento del hashrate è il benvenuto perché rende meno pratico un simile attacco alla blockchain.

Nel caso del BTC questo è pressoché impraticabile da ormai molto tempo vista l’immensa potenza di calcolo necessaria per effettuarlo con successo.

Detto questo, nel caso di criptovalute minori ci sono stati attacchi di questo genere che hanno avuto successo. Un esempio è l’attacco effettuato sulla blockchain di Bitcoin Gold dal proprietario di questo indirizzo.

Tutte le 76 transazioni erano parte dell’attacco e il guadagno conseguito ammontava a circa 18 milioni di dollari.

Adrian Zmudzinski
Adrian Zmudzinski

Adrian è un appassionato di tecnologia e IT, specializzato nell'analisi di token, tecnologia blockchain e crypto. Il suo interesse verso Bitcoin risale al 2009, espandendosi al mondo delle crypto più in generale. Le sue analisi si concentrano per lo più sulle potenzialità tecnologiche alla base dei token.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.