Intel, Huawei e Vodafone con ETSI per esplorare le potenzialità blockchain
Intel, Huawei e Vodafone con ETSI per esplorare le potenzialità blockchain
Blockchain

Intel, Huawei e Vodafone con ETSI per esplorare le potenzialità blockchain

By Stefania Stimolo - 19 Dic 2018

Chevron down

ETSI (European Telecommunications Standards Institute), che comprende tra i suoi membri aziende del calibro di Intel, Huawei e Vodafone, ha annunciato l’interesse verso blockchain creando l’Industry Specification Group per esplorare il potenziale della tecnologia basata sulla catena dei blocchi e le DLT.

Read this article in the English version here.

Come annunciato, i fondatori del gruppo sono C3L Cadzow Comm Consulting Ltd, Ericsson, Huawei, Intel, NEC Europe Ltd, Telefonica e Vodafone, e sono pronti a collaborare come operatori di settore per esaminare l’utilizzo della blockchain e delle DLT permissioned (autorizzate).

Nello specifico, la sfida principale del nuovo gruppo sarà legata all’applicazione blockchain e queste tecnologie nei casi d’uso aziendali, dall’architettura funzionale alle soluzioni offerte anche da un punto di vista di interfacce, API, protocolli e modelli di informazioni, dati e molto altro.

Intel Huawei Vodafone blockchain Etsi

In particolare, ETSI, l’organizzazione no-profit con oltre 850 membri in tutto il mondo che è anche uno dei soli tre organismi ufficialmente riconosciuti dall’UE come European Standards Organization (ESO), nel suo comunicato parla di blockchain descrivendone la tecnologia e aggiungendo:

I registri distribuiti sono per lo più noti per il loro uso con criptovalute come bitcoin. Tuttavia, possono essere utilizzati anche per gli attributi di identità digitale, il tracciamento  degli oggetti o la verifica degli accordi sul livello di servizio.”

Inoltre, fa una distinzione riconoscendo le potenzialità di entrambe le tecnologie DLT sia autorizzate (permissioned) che le pubbliche come blockchain:

I registri distribuiti possono essere senza autorizzazione (pubblici) o autorizzati (privati). Mentre i registri senza autorizzazione sono conosciuti dal grande pubblico attraverso termini popolari come Bitcoin, i registri distribuiti autorizzati sono meglio qualificati per affrontare i casi d’uso più orientati al business che interessano l’industria e le istituzioni governative.”

Tutti i dettagli del lavoro saranno discussi durante il meeting del 24 gennaio 2019 presso la sede di Telefónica a Madrid dove verranno eletti anche i funzionari del gruppo.

Sempre Telefónica, già lo scorso maggio, aveva espresso il grande interesse verso la blockchain, avviando una partnership con la società di sicurezza Rivetz, per sviluppare soluzioni blockchain per  transazioni e chat tra gli smartphone in totale sicurezza.

Stefania Stimolo
Stefania Stimolo

Laureata in Marketing e Comunicazione, Stefania è un’esploratrice di opportunità innovative. Partendo come Sales Assistant per e-commerce, nel 2016 inizia ad appassionarsi al mondo digitale autonomamente, inizialmente in ambito Network Marketing dove conosce e si appassiona dell’ideale di Bitcoin e tecnologia Blockchain diventandone una divulgatrice come copywriter e traduttrice per progetti ICO e blog, ed organizzando corsi conoscitivi.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.