Google vs Brave: la battaglia dei browser. Tutela o timore di un concorrente?
Google vs Brave: la battaglia dei browser. Tutela o timore di un concorrente?
Blockchain

Google vs Brave: la battaglia dei browser. Tutela o timore di un concorrente?

By Fabio Lugano - 25 Gen 2019

Chevron down

Se già si poteva sospettare che prima o poi ci si sarebbe dovuti schierare, ecco che arriva una nuova prova per la battaglia Google vs Brave.

Read this article in the English version here.

Segnalazioni provenienti da Twitter, infatti, indicano che Google Adwords stia rifiutando le inserzioni riguardanti Brave Browser, il sistema alla base del token BAT.

Le inserzioni vengono rifiutate con l’indicazione che violano le norma generali legate alla pubblicità su Google che proteggono contro truffe e scam, accusa che appare quanto mai grave.

Interrogato ulteriormente, il supporto di Google ha fornito una risposta ancora più preoccupante per il browser Brave:

La risposta di Adwords indica chiaramente che Brave venga giudicato da Google come un malware che contiene redirect indesiderati, pop-up, alterazione dei risultati dei motori di ricerca, toolbar indesiderate, ecc…

Google vs Brave: una sfida tra titani

In realtà, Brave è un browser completamente diverso da come descritto da Google: è basato su una programmazione in C++ e non su un semplice plug-in perché Brave Browser nasce con lo scopo di bloccare tutte le segnalazioni dei dati di navigazione all’esterno e remunerare, attraverso il token BAT, chi vede le inserzioni sul browser, in modo trasparente.

Giudicare il software come un malware blocca molte possibilità di promozione del prodotto, ma viene anche ad indebolire un possibile concorrente del sistema promozionale di Google, che genera ingenti profitti alla società della Silicon Valley.

Una mossa quindi tesa che potrebbe quindi essere vista come la volontà di eliminare un pericoloso concorrente sul nascere e che cerca di limitare lo sviluppo di strumenti pericolosi per il business di Alphabet.

Fabio Lugano
Fabio Lugano

Laureato con lode all'Università Commerciale Bocconi, Fabio è consulente aziendale e degli azionisti danneggiati delle Banche Venete. E' anche autore di Scenari Economici, e conferenziere ed analista di criptovalute dal 2016.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.