Il numero di address che contengono almeno un bitcoin (BTC) è aumentato e si porta a quota 732,000. Inoltre, i primi 100 indirizzi vedono un flusso di transazioni in ingresso maggiore rispetto a quelle in uscita.

Read this article in the English version here.

Bitcoin sta diventando un bene rifugio

Su un totale di circa 20 milioni di address conosciuti, ce ne sono 732,982 che contengono almeno un bitcoin. Questa cifra rappresenta un bel salto in avanti verso la funzione di bene rifugio. Molti stanno accumulando BTC piuttosto che decidere di fare trading o di speculare sull’andamento della crypto:

Questo è uno dei tanti ostacoli che Bitcoin deve cercare di superare. Alcuni lo preferiscono all’oro e all’argento mentre altri la pensano in maniera completamente diversa.

L’attuale tendenza della criptovaluta numero uno al mondo è quella del modello stock-to-flow che vede il suo target a lungo termine verso il milione di dollari:

Sembra proprio che siano sempre di più gli investitori che scelgono di holdare la criptovaluta in vista di un probabile andamento parabolico a lungo termine. I dati di BitInfoCharts mostrano che il 60% di tutti i BTC non sono stati scambiati nell’ultimo anno.

La maggior parte degli indirizzi che detengono una grande quantità di bitcoin mostrano flussi in uscita di BTC ridicoli rispetto a quelli in entrata. Inoltre, lo studio asserisce che si potrebbero considerare quei pochi flussi in uscita come relativi ad indirizzi appartenenti allo stesso proprietario.

Mentre i trader si cimentano nell’analisi tecnica e fondamentale e cercano di sfruttare le occasioni a breve termine, Bitcoin sta acquistando valore e fiducia e sempre più persone decidono di conservare i propri BTC senza muoverli.

Ecco la lista dei top 10 address bitcoin:

lista address bitcoin

Il ritorno di bitcoin (BTC) sopra agli 8000 $

Nella giornata di oggi bitcoin (BTC) è tornato sopra gli 8000 $, nelle prima ore del mattino. Una qualsiasi spinta verso i 9000 $ potrebbe chiudere definitivamente la fine di un mercato ribassista che ha caratterizzato il 2018.