banner
Zcash annuncia il nuovo wallet Zepio
Zcash annuncia il nuovo wallet Zepio
Altcoin

Zcash annuncia il nuovo wallet Zepio

By Alfredo de Candia - 30 Mag 2019

Chevron down

Ieri la Zcash Foundation ha annunciato il nuovo wallet Zepio che permette pagamenti privati “shieldati” (da shield, scudo in inglese, che è come vengono rappresentate le transazioni tramite l’icona di uno scudo).

Read this article in the English version here.

Il wallet Zepio è disponibile per tutti i sistemi operativi desktop, quindi MacOS, Linux e Windows, permettendo di depositare e mandare la crypto Zcash. Inoltre, permette agli utenti di collegarsi ad un full node, che detiene tutte le passate transazioni e permette di verificare la validità delle stesse, consentendo anche di collegarsi alla testnet di Zcash.

Una delle caratteristiche di Zcash è che permette di rendere private le transazioni a discrezione dell’utilizzatore, usando la crittografia zk-SNARKs.

In Zcash sono disponibili due tipi di indirizzi:

  • z-address (indirizzi privati);
  • t-address (indirizzi trasparenti);

Pertanto sono possibili 4 tipi di transazioni

  • Private: z-address -> z-address
  • Deshielding: z-address -> t-address
  • Shielding: t-address -> z-address
  • Public:  t-address -> t-address

Da un recente report, però, si evince che poco più del’1% delle transazioni hanno utilizzato questa particolare funzione.

Con questo nuovo wallet, Zepio per l’appunto, la possibilità di avere transazioni anonime è settata per default, rendendo quindi più semplice effettuarle.

Anche se può sembrare una cosa utile, Zcash ha mostrato come il suo anonimato non sia una funzione che regge bene il confronto con altre monete come Beam, Grin o Monero (XMR), anche perché questa caratteristica non è obbligatoria ma solo opzionale.

In realtà anche l’anonimato di Monero non è perfetto: di recente, infatti, sono state trovate alcune falle del sistema per quanto riguarda privacy e sicurezza, anche se il team di circa 250 sviluppatori esperti di crittografia sta cercando di porvi rimedio.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.