La Russia non bannerà Libra ma la limiterà
La Russia non bannerà Libra ma la limiterà
Criptovalute

La Russia non bannerà Libra ma la limiterà

By Alfredo de Candia - 2 Lug 2019

Chevron down
Ascolta qui
download

Secondo un report, di ieri di un’agenzia di news russa, il deputato del ministero della finanza, Alexei Moiseev, ha affermato che Libra non sarà bannata.

Read this article in the English version here.

“Nessuno introdurrà un divieto [su Libra]. Un gran numero di business si stanno chiedendo quando sarà finalmente possibile condurre legalmente una ICO [initial coin offering] in modo trasparente. Questo sarà sicuramente regolamentato e permesso, e questo è quanto. Ossia, sarà possibile acquistare, vendere, conservare, ma non sarà possibile utilizzarlo. Una delle opinioni è che, sì, la formazione di un mercato bianco è necessaria. Un’altra è che no, non si può, poiché con il pretesto del “bianco” il mercato non saprà cosa sta succedendo”.

Il governo russo tratterà quindi Libra come una valuta estera e quindi sarà possibile comprare, vendere e holdare quella moneta, ma non si potrà utilizzare per pagare per beni e servizi: l’unica possibilità è di usare il rublo russo per effettuare pagamenti.

Infatti, in Russia, per il momento, non c’è una vera e propria legislazione in merito alle crypto e quindi si cerca di tamponare applicando alcune regole simili alle valute estere. Forse in futuro si avvierà un piano per il Paese per cercare di trovare una regolamentazione precisa a cui i vari progetti e le relative crypto dovranno sottostare.

Anche Libra in Russia, almeno allo stato attuale delle cose, non avrà campo di manovra e non vanterà privilegi speciali, il che potrebbe essere un ostacolo per la diffusione e l’utilizzo della stessa secondo i piani di Facebook, anche perché in questo modo si potrà solo vendere e comprare l’asset, ma senza che questo possa essere effettivamente utilizzato.

La Russia ad oggi è il primo paese che si è espresso chiaramente sul come tratterà la valuta di Facebook.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.