Le stablecoins sono nelle mani dei top 1000 indirizzi
Le stablecoins sono nelle mani dei top 1000 indirizzi
Altcoin

Le stablecoins sono nelle mani dei top 1000 indirizzi

By Amelia Tomasicchio - 2 Lug 2019

Chevron down

Secondo una recente ricerca da Longhash, la maggior parte delle stablecoins sono detenute nelle mani di soli 1000 top indirizzi.

Read this article in the English version here.

La ricerca è stata effettuata sulle più importanti stablecoins, quali Tether (USDT), Circle (USDC), Gemini (GUSD), Paxos (PAX) e DAI.

Il risultato è che queste stablecoins non sono poi forse così decentralizzate, visto che per il 99% sono nelle mani dei primi top 1000 address. O almeno la ricchezza proveniente dall’holdare questi token è molto concentrata.

PAX è la stablecoin a risultare più centralizzata, visto che l’address più corposo detiene ben 82 milioni di token, ovvero quasi il 50% della total supply di PAX. Nel contempo, la stablecoin ad esserlo forse un po’ meno sarebbe proprio Tether, visto che è custodita “solo” per il 90% dai top 1000 wallet.

Come spiega Longhash, per top 1000 indirizzi si intendono i primi address – e quindi di fatto wallet – del network a holdare i token della blockchain a cui fanno riferimento.

 

Amelia Tomasicchio

Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di diversi magazine crypto all'estero e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist. E' stata nominata una delle 30 under 30 secondo Forbes. Oggi Amelia è anche insegnante di marketing presso Digital Coach e sta scrivendo un libro sugli NFT per Mondadori. Inoltre, ha lanciato due progetti NFT chiamati The NFT Magazine e Cryppo, oltre ad aiutare artisti e aziende ad entrare nel settore.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.