Oggi un altro calo per il mercato crypto
Trading

Oggi un altro calo per il mercato crypto

By Federico Izzi - 17 Lug 2019

Chevron down

Da ieri pomeriggio i prezzi del mercato crypto si sono avviati ad un netto calo e anche oggi si sono registrate in poche ore estensioni ribassiste che hanno violato in diversi casi i livelli di allerta riferiti ai minimi di inizio luglio, gli ex supporti da monitorare con attenzione. 

Read this article in the English version here.

Fonte: COIN360.com

La rottura di questi livelli ha attirato anche la speculazione ribassista che, nelle ore, ha esteso i ribassi.

La giornata di oggi evidenzia un calo per il 95% dei prezzi del mercato crypto. Si evidenziano ribassi a doppia cifra da parte di BTC, ETH e LTC. Tra le big EOS, Tron e Dash segnano gli affondi più ampi con ribassi, anche oltre il 14% su base giornaliera.

Questo calo vede però l’aumento dei volumi che oggi superano i 95 miliardi di scambi, livelli del 20-30% superiori alla media dell’ultima settimana del mercato crypto. L’estensione ribassista inizia a testare i livelli di supporto dinamico che sostengono l’attuale trend rialzista iniziato con i minimi relativi di inizio aprile. 

Tra i pochi segni verdi si fanno notare solamente il token Japan Content (JCT) che, con poco più di 61 milioni di capitalizzazione, occupa la 93° posizione e oggi è l’unico segno con rialzo a doppia cifra con +23%. Segue Clipper Coin (CCCX), un token sconosciuto in 78° posizione e 78 milioni di dollari di capitalizzazione.

Tra gli affondi più gravosi e pesanti c’è quello di Icon (ICX) che continua a farsi notare in questa ultima settimana con forti escursioni verso l’alto e verso il basso, con un movimento ribassista di oltre il 30%. Icon è seguito da Crypto.com Chain (CRO) in 27° posizione, che perde il 25%, stessa intensità della perdita di Egretia (EGT).

La capitalizzazione del mercato crypto oggi registra un calo fino a 250 miliardi di dollari, livello che evidenzia una perdita di 130 miliardi di dollari dai massimi raggiunti alla fine di giugno. 

Questa fase decisamente in mano all’Orso continua a evidenziare quello che è il sostegno e la tenuta da parte di bitcoin che continua a rimanere la crypto di rifugio nelle fasi di incertezza e di debolezza. La dominance di bitcoin, infatti, continua a rimanere stabile al 63%, mentre il movimento di Ethereum verso il basso fa toccare il fondale alla capitalizzazione che ora è al 9%, i livelli più bassi dallo scorso novembre. 

Grafico Ripple by Tradingview

Ripple, nonostante la difficoltà, beneficia della debolezza generalizzata e recupera il 5% di quota di mercato. XRP con il movimento di questi giorni ha perso il 45% dai top del 22 giugno, con prezzi che vanno a testare il supporto storico degli ultimi sette mesi pari a 30 centesimi di dollaro, livello già toccato lo scorso metà dicembre e a fine gennaio e aprile. 

Grafico bitcoin by Tradingview

Bitcoin (BTC)

Per bitcoin la rottura del livello psicologico e anche tecnico dei 10.000 dollari attira la speculazione verso il basso e fa testare il supporto di medio periodo dei 9.200 dollari, supporto che fa scattare le prese di  beneficio delle posizioni al ribasso e che al momento evidenzia un principio di pullback su base giornaliera. 

9.200 dollari è anche area di supporto dinamico. I prezzi devono confermare la tenuta di questo livello o estendersi al massimo in area 8.800 dollari. In caso negativo si aprirebbero spazi per ulteriori allunghi a 8.500-8.200 dollari, livelli abbandonati tra la fine di maggio e inizio giugno scorso.

Per bitcoin, al rialzo, i livelli che farebbero rifiatare il toro sono distanti di circa il 20%, in area 11.000 dollari.

Grafico Ethereum by Tradingview

Ethereum (ETH)

Il principio di debolezza già evidenziato nei giorni scorsi si estende segnando il minimo degli ultimi tre mesi e precisamente andando a testare area 190 dollari, che è stata fino a metà maggio area di forte resistenza ora diventata cruciale area di supporto. 

L’affondo di queste ultime ore evidenzia un movimento ribassista del 45% dai massimi dell’anno. ETH deve riprendere nei prossimi giorni quota 230 dollari. Un’eventuale violazione dei 190 dollari attirerebbe la speculazione ribassista verso il prossimo livello di supporto in area 155 dollari. 

 

Federico Izzi
Federico Izzi

Analista finanziario e #trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Da maggio 2017 è ufficialmente analista tecnico di BigBit. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di #criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul #Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.