Bakkt: il lancio dei futures su bitcoin potrebbe arrivare presto
Bakkt: il lancio dei futures su bitcoin potrebbe arrivare presto
Bitcoin

Bakkt: il lancio dei futures su bitcoin potrebbe arrivare presto

By Marco Cavicchioli - 1 Ago 2019

Chevron down

Il CEO di ICE, Jeffrey Sprecher, ha dichiarato che il lancio dei futures su bitcoin di Bakkt potrebbero arrivare “in un futuro molto prossimo”.

Read this article in the English version here.

L’Intercontinental Exchange (ICE) è la società proprietaria sia di Bakkt che della Borsa di New York ed i test operativi di Bakkt sono stati avviati la scorsa settimana

Jeffrey Sprecher ha fatto queste dichiarazioni durante una telefonata trimestrale sugli utili, dicendo: 

“[Bakkt] sta lavorando per sviluppare un ecosistema regolamentato al servizio delle esigenze in evoluzione di [partecipanti] in tutto il mondo. […] Con riserva sulle approvazioni normative finali, prevediamo di lanciare i nostri futures su bitcoin fisici in un futuro molto prossimo”.

Infatti, sebbene i test operativi siano già iniziati, la società è ancora in attesa di un’ultima approvazione da parte del Dipartimento dei servizi finanziari di New York (NYDFS), dove ha sede. Una volta ottenuta questa approvazione Bakkt dovrebbe già essere in grado di lanciare i suoi nuovi futures su bitcoin. 

Nel frattempo, tuttavia, si è aperto un vero e proprio giallo sugli omologhi contratti futures su bitcoin di LedgerX

Ieri era stato annunciato ufficialmente che LedgerX aveva ottenuto l’approvazione della CFTC per lanciare i propri futures su bitcoin fisici, tanto che si era addirittura ipotizzato che questi potessero arrivare sul mercato americano prima di Bakkt. 

Tuttavia Coindesk riferisce di aver ricevuto dalla CFTC una smentita ufficiale. In una dichiarazione ricevuta giovedì dalla redazione, la Commodities Futures Trading Commission afferma: 

“[LedgerX] non è stato ancora approvato dalla Commissione”.

Il fatto è che LedgerX aveva addirittura già annunciato di aver lanciato i primi contratti futures su bitcoin negli USA, ma secondo queste recenti dichiarazioni ciò non corrisponderebbe a verità. 

Paul Chou, CEO di LedgerX, aveva esplicitamente dichiarato che i clienti potevano scambiare i loro futures su bitcoin utilizzando la loro nuova piattaforma Omni, recentemente avviata, ma nell’elenco degli scambi per ora in effetti non sembra essercene traccia: si trovano solo opzioni call e put e Day ahead swap, che sono altri tipi di derivati. 

La società aveva iniziato a offrire prodotti derivati ​​su bitcoin nel 2017, in particolare a clienti istituzionali, ma per offrire anche future ha bisogno della licenza della CFTC designated contract markets (DCM), sulla cui effettiva assegnazione ora si è aperto il giallo.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.