Zcash: in arrivo un nuovo developer fund
Blockchain

Zcash: in arrivo un nuovo developer fund

By Fabio Carbone - 1 Ago 2019

Chevron down

Zooko Wilcox, CEO di Zcash, rompe gli indugi e con una lettera aperta pubblicata dal suo blog entra nel dibattito sul Zcash Developer Fund dopo l’halving che si terrà nell’ottobre del 2020.

Read this article in the English version here.

“Spero che la community deciderà di rinnovare la struttura del Dev Fund, allocando ZEC presi dai futuri block rewards, a supporto delle funzionalità quali lo sviluppo del software, il supporto agli utenti, lo sviluppo del business, le attività di sensibilizzazione dei governi, gli audit per la sicurezza, le iniziative educative e di marketing”.

Un appello alla community che sostiene Zcash a rinnovare il supporto allo sviluppo secondo il modello fino ad ora in vigore e che dopo il primo halving previsto il prossimo ottobre 2020 (o al blocco 840 mila) cesserà.

Zooko non nasconde il pessimismo, sperando perà che la comunità ZEC

si offra di assumere la Electric Coin Company (ECC) per continuare a svolgere il suo lavoro. Ma non è certo che il risultato di questo processo sarà quello che spero personalmente”.

Zcash rischia di perdere i suoi developer

Come noto Zcash non ha fatto pre-mining, ma i suoi membri fondatori hanno deciso di destinare il 10% di quanto minato nei primi quattro anni, ai fondatori, investitori, impiegati e consulenti.

Questa ricompensa venne chiamata Founders Reward e per quattro anni ha permesso alla società Electric Coin Company di continuare lo sviluppo del protocollo.

La società, tuttavia, non detiene tutti diritti su Zcash (solo sul marchio) e non può intervenire a suo piacimento per modificare le regole di funzionamento della blockchain. Infatti, sin dai primi, tempi fu istituita la Zcash Foundation proprio allo scopo di tutelare l’indipendenza del protocollo.

Tuttavia ora, a poco più di un anno dal primo halving, ci si pone il problema di come continuare lo sviluppo del protocollo se non ci sarà più una fonte economica di approvvigionamento sicura su cui contare.

Nel dibattito sono coinvolti tutti, anche gli altri membri fondatori di Zcash, e uno di essi, il professore Andrew Miller, era intervenuto con un suo post il 3 giugno scorso avanzando una serie di ipotesi per istituire o proseguire il Developer Fund essenziale a estendere lo sviluppo del progetto.

Electric Coin Company sosterrà qualsiasi decisione della community

Zooko Wilcox rassicura la community che ECC sosterrà la decisione della community, offrendosi di sviluppare, testare e distribuire l’aggiornamento del software per “implementare qualunque cosa la community deciderà”.

“Saremo disponibili”, prosegue Zooko, “anche nel caso in cui la community decida di togliere i fondi a ECC, ma in questo caso il supporto sarà limitato all’implementazione e non vi sarà supporto a lungo termine, perché la società ha fondi sufficienti ma limitati nel tempo.

Il futuro di Zcash è nelle mani della community.”

Fabio Carbone
Fabio Carbone

Writer freelance dal 2013 ha studiato informatica e filosofia ed anche un pizzico di sociologia. Nel 2016 ha scoperto la crypto economy e da allora scrive di blockchain e criptovalute, per approfondire un movimento che non è fatto solo di esperti matematici e crittografi, ma di gente che genera una nuova economia dal basso. Scrive dello stesso argomento su vari siti web di settore. Scrive di Industria 4.0 ed economia digitale in generale.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.