banner
Le tasse sulle criptovalute stanno danneggiando l’economia
Le tasse sulle criptovalute stanno danneggiando l’economia
Criptovalute

Le tasse sulle criptovalute stanno danneggiando l’economia

By Giorgi Mikhelidze - 10 Ago 2019

Chevron down

Le tasse sulle criptovalute sono sempre inesorabilmente messe in secondo piano, senza essere commentate in modo serio dagli esperti di mercato. E nessuno ha mai convinto il governo a cambiare i propri metodi in materia di finanza ed economia, per cui sono necessari altri mezzi per ottenere un vero cambiamento.

Ma prima che questo cambiamento venga apportato, il governo deve essere a conoscenza dell’errore che viene commesso a causa della tassazione delle criptovalute. Si tratta dell’imposta sulle plusvalenze (crypto capital gain tax), che identifica fondamentalmente un crypto holder nel Paese e, sulla base dei suoi profitti, richiede un compenso per il governo.

I casi di evasione fiscale crypto

Il problema principale dei regolamenti fiscali del governo solitamente non è il valore aggiunto o la crescita economica dei fondi che ricevono dai detentori di crypto, ma le problematiche legate al mantenimento e della ricerca di casi di evasione fiscale crypto in tutto il Paese.

Ovviamente, sappiamo tutti che ogni volta che una legge viene introdotta in un Paese deve essere attuata nel modo più completo possibile, altrimenti il governo rischia il proprio potere politico e altri eventi di natura psicologica da parte della popolazione.

La natura delle criptovalute rende la gestione delle tasse crypto estremamente difficile da tracciare. Avere un’attività decentralizzata e cercare di convincere una società a fornire informazioni sui propri clienti quando non sono obbligati a farlo è praticamente impossibile.

Questo è uno dei motivi per cui esiste un tema ricorrente molto comune in tutto il mondo in termini di tasse crypto. Attualmente ne esistono solo due tipi. 

  • Il tipo 1 si concentra nel delegare la responsabilità di segnalare l’attività dei clienti direttamente alle aziende che aggiungono costi operativi;
  • Il tipo 2 è la delega delle dichiarazioni fiscali ai trader stessi, il che in pratica implora le persone di evitarla con ogni mezzo necessario.

Tassa crypto di tipo 1

Il primo tipo di tassa crypto si trova in gran parte dei Paesi del Commonwealth. I Paesi del Commonwealth sono giurisdizioni come l’Australia, la Nuova Zelanda, il Regno Unito, il Canada, ecc… Praticamente qualsiasi posto che in passato era una colonia britannica (eccetto gli Stati Uniti e l’India) dispone di questo tipo di leggi fiscali crypto.

Come già accennato nel paragrafo precedente, questo tipo di imposta si concentra sulla delega della responsabilità di controllare la legge introdotta dallo stato alle aziende al servizio della popolazione stessa.

Ciò significa che dovranno assumere personale aggiuntivo per monitorare gli scambi commerciali, raccoglierli tutti in un database completo e fare report mensili all’agenzia fiscale del Paese, che è quella che di solito ha il compito di far rispettare la legge.

Se non dovessero rispettare la legge, il che non è così difficile farlo in un mercato decentralizzato, potrebbero incorrere in pesanti multe. 

In che modo gli operatori evitano una regolamentazione fiscale crypto di tipo 1

Evitare il primo tipo è estremamente facile per i detentori di criptovalute. Quello che possono fare è semplicemente iniziare a fare trading con una compagnia che non ha sede o licenza nel loro paese d’origine.

Questo fornisce all’entità il pretesto per non soddisfare le richieste di dati del governo locale, in quanto non sono obbligati a farlo. Il governo non ha il diritto di vietare i loro servizi nel paese sulla base di questo fattore, quindi l’exchange stesso non deve confrontarsi con alcun problema.

È evidente la chiara direzione in cui il governo sta costringendo la popolazione locale attraverso la tassa sulle crypto. Avere un piccolo numero di operatori in un unico Paese costretti ad utilizzare servizi esterni è un grande successo per la redditività degli exchange crypto locali. Questo garantisce una diminuzione dell’imposta sulle imprese generata dalle piattaforme di scambio crypto locali.

In sostanza, ciò che accade è che il governo, nel perseguire l’imposta sulle plusvalenze crypto, rischia l’imposta sugli exchange crypto locali, che potenzialmente comporta una riduzione completa delle loro entrate fiscali.

Casi di regolamentazione fiscale crypto di tipo 2

La seconda politica fiscale crypto è leggermente più coinvolgente per quanto riguarda i trader. Tale regolamento delega completamente la responsabilità ai trader stessi, che devono quindi calcolare, determinare, archiviare e pagare l’imposta.

Una delle giurisdizioni più famose che applicano questa legge è quella degli Stati Uniti d’America, che ha già ricevuto critiche dalla sua popolazione a causa della complessità della tassazione nel Paese. La tassa sulle criptovalute è solo come sale su una ferita.

In ogni caso, ai sensi di queste leggi, gli operatori possono tranquillamente evitarla del tutto. Possono semplicemente non pagare le tasse e contestare la propria partecipazione al mercato crypto diversificando il proprio portfolio in monete privacy. L’operazione sarà raramente divulgata se utilizzano un’entità estera, quindi l’accusa avrà poche o nessuna prova contro di loro.

Tuttavia, coloro che hanno continuato ad usare gli exchange locali hanno già ricevuto lettere dal Revenue Service degli Stati Uniti per pagare l’imposta dovuta il più presto possibile. In questi casi, un trader può fare ben poco, in quanto sono già stati identificati.

Le tasse sulle criptovalute danneggiano l’economia

Come già accennato in precedenza in questo articolo, ai governi non conviene imporre le crypto tasse in quanto creano solo problemi aggiuntivi.

I costi operativi per la creazione di nuove agenzie o task force sottraggono molte risorse, senza produrre praticamente nulla in cambio. Di fatto, sono le fonti di reddito che vengono prosciugate ulteriormente attraverso un’imposta societaria sugli exchange crypto locali.

Il modo migliore per le autorità locali sarebbe quello di eliminare completamente qualsiasi tipo di imposte sulle plusvalenze crypto e permettere alla popolazione locale di utilizzare gli exchange locali di criptovalute. In questo modo, queste aziende avranno molta più trazione, dunque più entrate, e alla fine, pagheranno più imposte societarie.

Se non si sa l’importo esatto, si può passare alla questione relativa alle spese dei consumatori. Maggiori sono i fondi che i cittadini hanno in un Paese, tanto più sono aperti a spenderli per beni di consumo o qualsiasi tipo di investimento come quello immobiliare.

Rimuovendo la tassa crypto, il governo farà aumentare il potere d’acquisto dei consumatori nel paese e potenzialmente fornirà risorse per le aziende locali affinché crescano ad un ritmo molto più veloce.

La crescita delle imprese in un paese si traduce sempre in maggiori imposte societarie, quindi maggiori entrate, bilanci più ampi per il futuro e complessivamente un’economia sana.

Giorgi Mikhelidze
Giorgi Mikhelidze

Giorgi è un software developer che vive in Georgia con due anni di esperienza nel trading sui mercati finanziari. Ora lavora per aumentare la conoscenza della Blockchain nel suo Paese e cerca di condividere le sue scoperte e ricerche con quanta più gente possibile.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.