banner
Block.one: un brevetto per il riconoscimento ID su EOS
Block.one: un brevetto per il riconoscimento ID su EOS
Blockchain

Block.one: un brevetto per il riconoscimento ID su EOS

By Alfredo de Candia - 16 Ago 2019

Chevron down

Recentemente Block.one ha registrato un nuovo brevetto per un sistema di riconoscimento di digital identity (DI) basato sulla blockchain di EOS.

Come possiamo leggere dal titolo del brevetto, “Systems and Methods for Creating a secure Digital Identity”, si fa riferimento ad un sistema di identità digitale che riuscirebbe ad identificare qualcuno sia in base al proprio terminale sia tramite l’utilizzo di chiavi private.

Queste chiavi verrebbero poi caricate su un’auditable chain di un ledger pubblico, probabilmente EOS, rendendo di fatto superflua la famosa KYC (Know Your Customer). 

Come possiamo leggere, il brevetto è stato richiesto l’11 dicembre scorso e solo successivamente è stato approvato il 18 giugno di quest’anno. Il brevetto è attivo da oggi e terminerà l’11 dicembre 2038.

In pratica il sistema utilizza un dispositivo elettronico, come ad esempio uno smartphone. Tramite un selfie fatto dallo stesso terminale, le informazioni inserite verranno unite alle chiavi private dell’utente. 

“Una volta che i due individui scattano la loro foto insieme, l’applicazione sul dispositivo utilizza tecniche di riconoscimento, come il riconoscimento facciale 3D, per verificare che nella foto siano presenti due individui, e che l’individuo autenticato dal dispositivo sia uno di questi due. Quando tali condizioni sono state confermate, l’applicazione firma la foto congiunta con una firma digitale e invia una copia della foto al dispositivo dell’altro individuo”.

Questo sistema sicuramente sarà introdotto nel prossimo social network, Voice, basato sulla blockchain di EOS. Durante l’evento di Washington di un paio di mesi fa, Larimer aveva infatti anticipato proprio il fatto di identificare gli utilizzatori della piattaforma social tramite un sistema identificativo.

   

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.