Alibaba e Tencent le prime a ricevere la criptovaluta cinese
Criptovalute

Alibaba e Tencent le prime a ricevere la criptovaluta cinese

By Marco Cavicchioli - 28 Ago 2019

Chevron down

I due colossi cinesi Alibaba e Tencent saranno tra le prime società a ricevere la nuova criptovaluta di Stato cinese. 

Lo rivela il giornalista Michael del Castillo in un articolo sul suo blog ospitato sul sito di Forbes. 

Castillo, infatti, rivela che secondo Paul Schulte, ex responsabile globale della strategia finanziaria della China Construction Bank, nei prossimi mesi la Banca Centrale cinese (PBoC) lancerà la sua criptovaluta di Stato ancorata alla valuta locale e per prima cosa la emetterà a sette istituzioni. 

Tra queste istituzioni, oltre ad Alibaba e Tencent, ci sarebbero la Industrial and Commercial Bank of China, la Bank of China, la Agricultural Bank of China, e Union Pay. 

La notizia sarebbe stata confermata anche da un’altra fonte coinvolta nello sviluppo della criptovaluta di Stato stessa, per ora denominata solamente DC/EP (Digital Currency / Electronic Payments), secondo cui anche un’ottava istituzione potrebbe essere coinvolta. 

La tecnologia alla base della criptovaluta cinese sarebbe già stata pronta fin dallo scorso anno e si presume che il lancio potrebbe avvenire intorno al Singles Day, l’11/11, ovvero la più importante giornata di shopping in Cina. 

L’obiettivo della PBoC sarebbe quello che la nuova valuta digitale possa poi anche essere resa disponibile agli investitori di tutto il mondo, compresi quelli statunitensi, grazie ad interazioni con le banche locali. 

Attualmente non esistono ancora conferme ufficiali, ma la notizia era nell’aria già da tempo e per ora non ci sono state nemmeno smentite. 

Sarebbe però confermata la strategia di adottare un sistema operativo a due livelli in modo da incoraggiare la concorrenza tra le organizzazioni che ricevono la criptovaluta.

DC/EP sarebbe stata progettata per gestire 300.000 transazioni al secondo, ovvero un livello di gran lunga superiore a quello attuale: nel 2018 il picco massimo di transazioni durante il Singles Day è stato di 92.771 transazioni in un secondo. 

Queste performance sono rese possibile dall’utilizzo di un’architettura non basata esclusivamente su blockchain. 

DC/EP è una moneta completamente centralizzata, che utilizza una blockchain permissioned senza accesso pubblico libero a tutti e senza limiti di offerta: sarà la stessa PBoC a deciderne la quantità in circolazione, esattamente come avviene per la valuta fiat. 

Infatti, il suo scopo è specificatamente solo quello di sostituire le banconote e le monete metalliche, ma non il denaro già ora in forma digitale. 

Resta da capire quanto la PBoC, oltre a controllare la moneta, possa utilizzarla per raccogliere informazioni non anonime sulle abitudini di spesa dei suoi utilizzatori.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 11mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.