Telegram: GRAM arriverà entro 2 mesi. Il wallet sarà disponibile a tutti
Telegram: GRAM arriverà entro 2 mesi. Il wallet sarà disponibile a tutti
Criptovalute

Telegram: GRAM arriverà entro 2 mesi. Il wallet sarà disponibile a tutti

By Stefano Cavalli - 28 Ago 2019

Chevron down

Mentre Facebook insieme a Libra si sta scontrando con diversi regolatori negli Stati Uniti e nel resto del mondo, i piani per Telegram sembrano andare per il verso giusto. La piattaforma ha dichiarato agli investitori che Gram, la criptovaluta di Telegram, arriverà nei prossimi due mesi mentre a breve sarà possibile effettuare trading con le crypto grazie all’utilizzo del Button Wallet.

Telegram sta anche pianificando di mettere a disposizione il proprio wallet ai 300 milioni di utenti in tutto il mondo, secondo il New York Times, ma le persone che hanno fatto trapelare queste informazioni non hanno voluto rivelare la propria identità, dal momento che hanno firmato accordi di non divulgazione.

Dopo aver raccolto 1,7 miliardi di dollari da parte degli investitori, alcuni dei quali aziende affermate all’interno della Silicon Valley, le ambizioni della piattaforma di messaggistica, concorrente diretta di WhatsApp, sono davvero alte.

Alex Safonov, co-fondatore e amministratore delegato di Button Wallet, ha spiegato:

“Il più grande ostacolo all’interno del settore delle criptovalute è proprio l’adozione di massa. Ciò che abbiamo creato consentirà alle persone di sentirsi a proprio agio facendo trading, senza usare denaro reale.”

Nella giornata di ieri è stato svelato quello che sarà probabilmente il primo test gratuito all’interno del network di Telegram e verranno regalati dei GRAM proprio per incoraggiarne l’adozione.

Chiunque potrà attivare il Telegram Open Network Wallet e ricevere 6,6 GRAM all’interno della testnet direttamente sul proprio account. Button Wallet supporta bitcoin (BTC), ethereum (ETH), litecoin (LTC) e altre criptovalute.

A differenza di Facebook, che ha pubblicato tutte le informazioni riguardo a Libra molto prima che il token fosse pronto, Telegram ha fatto tutto dietro le quinte, senza dare troppo nell’occhio. Sicuramente, questa scelta inciderà notevolmente nel momento in cui dovrà affrontare le autorità governative e rendere pubblico il token GRAM.

Stefano Cavalli
Stefano Cavalli

Nato a Parma, classe '92. Laureato in Ingegneria Informatica Elettronica e delle Telecomunicazioni all'Università degli Studi di Parma. Appassionato da anni in tecnologia Blockchain, economia decentralizzata e criptovalute. Esperto in Web-Development & Software-Development.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.