Cosa può succedere ai piccoli exchange di criptovalute?
Criptovalute

Cosa può succedere ai piccoli exchange di criptovalute?

By Giorgi Mikhelidze - 19 Set 2019

Chevron down

Molti investitori crypto credono che, data la crescita nella diffusione della tecnologia blockchain, sempre più persone stiano iniziando a diversificare i loro asset su più exchange di criptovalute, compresi quelli piccoli. 

Questo è dovuto ai problemi di sicurezza che la maggior parte delle persone cerca di evitare. Ad esempio, se una persona ha 100 BTC concentrati su un solo exchange è possibile perdere tutto con un singolo hack, mentre una diversificazione su 4 diverse piattaforme, mitiga un po’ questo rischio.

Tuttavia, è necessario considerare la mentalità della maggior parte dei trader. Coloro che effettuano operazioni giornaliere e cercano di capitalizzare sull’elevata volatilità del mercato sono meno propensi a diversificare il proprio patrimonio su exchange diversi e quindi concentrano i volumi di trading sulle piattaforme più grandi e più convenienti.

Osservando il modo in cui la maggior parte dei trader preferisce ottenere guadagni nel breve termine, mentre le principali altcoin faticano a consolidarsi, soprattutto nelle ultime due settimane, è naturale vedere che i volumi di trading si concentrano su grandi exchange che offrono coppie di criptovalute esotiche.

Questo è il motivo per cui stiamo vedendo rapporti dalla Corea del Sud che indicano che il 97% di tutti gli exchange crypto potrebbe chiudere a causa dei bassi volumi di trading, mentre le 5 piattaforme più grandi resteranno solide.

Ma si tratta solo di un Paese in particolare. Che si può dire di uno scenario più globale? Si concretizzerà anche nei mercati mondiali? 

Il motivo per cui i grandi exchange sono superiori a quelli più piccoli

Anche se è ovvio che gli exchange più grandi hanno molte più risorse per essere competitivi, ci sono altri dettagli più importanti sul perché mirano agli utenti di piattaforme meno conosciute.

Ma prima di menzionare questi vantaggi, ci sono alcuni aspetti fondamentali con cui questi exchange non possono competere. Uno di questi è la localizzazione.

Perché esistono ancora piccoli exchange di criptovalute?

Una delle ragioni principali per cui gli exchange più piccoli sono in grado di sopravvivere è la loro capacità di offrire commissioni più basse per il deposito o il prelievo di fondi dalle loro piattaforme.

Questo è dovuto, tuttavia, al vantaggio in termini di localizzazione che abbiamo menzionato sopra. Prendiamo ad esempio un paese in via di sviluppo molto piccolo, che ha un alto volume di adozione delle criptovalute e della blockchain. Il primo Paese che viene in mente è la Georgia, che si trova al secondo posto tra i più grandi paesi focalizzati sul mining delle criptovalute.

Il desiderio di fare trading di crypto nel paese era sempre alto, ma non esisteva un exchange locale che potesse soddisfare la domanda. 

Pertanto, questi operatori dovevano effettuare la maggior parte dei loro scambi su grandi piattaforme estere. Questo significa che dovevano depositare in valute estere fiat, ma anche affrontare commissioni più elevate a causa delle transazioni internazionali e dell’assenza di supporto da parte delle banche locali.

In alcuni casi le commissioni erano altissime, circa il 30%. Ecco perché gli exchange locali stanno iniziando a dominare la scena, nonostante siano piuttosto piccoli e offrano solo una dozzina di monete.

Secondo gli esperti di mercato locali, che hanno incontrato i fondatori degli exchange locali, le commissioni sono il vantaggio principale che possono aiutare l’azienda a crescere e a dominare il mercato:

Prima di creare uno exchange locale, la maggior parte dei georgiani era costretta ad usare piattaforme famose. Siti come Binance o Coinbase erano le principali destinazioni. Tuttavia, a causa della situazione finanziaria della popolazione locale, il massimo che potevano depositare era di circa 500 dollari, il che è come uno stipendio superiore alla media.

Il fatto che avrebbero perso il 30% di quel deposito in commissioni era semplicemente troppo da gestire, ma non c’era altro modo. Ora che un exchange locale sta aprendo i battenti, dominerà sicuramente il mercato poiché collaborerà con le banche locali, abbassando così le commissioni.

La paura più grande di un exchange crypto locale in questo momento è se Binance o Coinbase o qualsiasi altro exchange internazionale decidesse di aprire un ufficio locale e di collaborare anche con le banche. In tal senso, non avrebbero assolutamente spazio per competere con loro”.

Il motivo per cui gli exchange più piccoli cesseranno presto di esistere

Anche se gli esperti di un paese più piccolo hanno spiegato in modo dettagliato il vantaggio di un piccolo exchange, ci sono altri motivi per cui le piattaforme di trading più grandi possono dominare il mercato.

Una di queste ragioni è che sono molto più durature. La durabilità deriva dal fatto che possono resistere ad un altro inverno crypto più facilmente grazie alle riserve delle loro stablecoin e, logicamente, la possibilità di subire una perdita si traduce in una posizione dominante sul mercato.

Ad esempio, un grande exchange, se volesse entrare in un mercato locale, sovvenzionerebbe molto facilmente i propri servizi e avvantaggerebbe il cliente. Ciò creerebbe delle perdite, ma per ottenere clienti fedeli è più che sufficiente farlo per solo un anno.

Abbiamo visto diverse aziende internazionali utilizzare questo metodo per conquistare un mercato locale. Le applicazioni di Ride Sharing sono le prime che vengono in mente. 

Quando entrano in un nuovo mercato, calcolano gli attuali prezzi standard del settore e concedono uno sconto del 50%. Che significa? Ciò vuol dire che se una corsa normale costa 10 dollari in un paese, l’azienda lo offrirebbe ad un prezzo scontato di 5 dollari. 

Lo sconto è molto importante da notare, in quanto non è considerato un prezzo effettivo. Pertanto, una volta che i prezzi diventano di nuovo $10 sarà considerato come una fine alla promozione sconto e non un aumento del prezzo.

Si tratta di una strategia piuttosto forte e finora ha funzionato praticamente ovunque nel mondo.

In conclusione, si può dire che gli exchange crypto sudcoreani andranno presto in bancarotta e presto anche altre piccole piattaforme degli Stati Uniti, del Regno Unito e di ogni altro Paese, fintanto che i grandi exchange continueranno a crescere in un mercato ribassista.

Avatar
Giorgi Mikhelidze

Giorgi è un software developer che vive in Georgia con due anni di esperienza nel trading sui mercati finanziari. Ora lavora per aumentare la conoscenza della Blockchain nel suo Paese e cerca di condividere le sue scoperte e ricerche con quanta più gente possibile.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.