Svezia: Kronofogden mette i bitcoin all’asta
Criptovalute

Svezia: Kronofogden mette i bitcoin all’asta

By Amelia Tomasicchio - 11 Ott 2019

Chevron down

Kronofogden, ovvero l’autorità di controllo svedese, agenzia governativa incaricata della riscossione, del pignoramento e degli sfratti in Svezia, ha messo all’asta 4,59 bitcoin.

L’asta si terrà oggi, come ha spiegato Johannes Paulson, business developer di Kronofogden.

“Gli asset non si trovano solo nel garage o nel soggiorno, ma anche su Internet. Oggi andiamo alla ricerca di asset all’interno di computer e dischi rigidi, così come nei telefoni e nei servizi web”.

Infatti, la notizia non sta solo nel fatto che in Svezia si fanno aste per vendere bitcoin, ma anche che sono beni pignorabili nel caso in cui una persona abbia dei debiti. E non è neanche la prima volta che succede: Kronofogden, infatti, ha già pignorato e venduto all’asta dei BTC addirittura due anni fa.

Purtroppo, però, Kronofogden, nel comunicato stampa rilasciato oggi, descrive ancora bitcoin come una valuta anonima utile solo all’evasione fiscale e alle attività illegali.

“Il fatto che la valuta possa essere utilizzata per acquisti anonimi l’ha resa interessante per attività criminali come il riciclaggio di denaro, l’evasione fiscale e per finanziare altri tipi di attività illegali. Il monitoraggio di bitcoin è quindi un pezzo importante del puzzle per fermare e contrastare la criminalità organizzata”.

E quindi perché mettere all’asta dei bitcoin, se ritenuti pericolosi e quasi alla stregua di una valuta illegale?

“Molte persone ci chiedono perché stiamo mettendo all’asta la valuta e non la convertiamo noi stessi. La risposta è che non esiste un’infrastruttura che soddisfi le nostre esigenze. Dobbiamo farlo in modo che la qualità sia garantita, per essere sicuri che il denaro non scompaia lungo la strada”.

La Svezia non è certo tra i Paesi più famosi quando si parla di criptovalute, anche se tempo fa era circolato il rumor di una possibile creazione della e-krona al fine di rimuovere totalmente l’uso del contante.

 

Amelia Tomasicchio
Amelia Tomasicchio

Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di Cointelegraph e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.