Il Venezuela regala token Petro alle sue regioni
Criptovalute

Il Venezuela regala token Petro alle sue regioni

By Marco Cavicchioli - 17 Ott 2019

Chevron down

Il Presidente del Venezuela Maduro ha annunciato che verranno regalati dei token Petro alle regioni del paese. 

Durante una trasmissione in diretta TV su Venezolana de Televisión (VTV), il Presidente ha detto

“Sto assegnando a tutti gli Stati, in questo caso ai governatorati e ai protettorati, […] un milione di Petro due volte al mese, da novembre. 

[…] Questo significa in termini concreti che stiamo assegnando da 1 milione e 354 mila euro a 3 milioni 249 mila euro ai governatorati e ai protettorati”. 

Il Venezuela infatti è suddiviso in 23 regioni, chiamate Stati federati, più il Distretto della capitale ed 11 dipendenze federali (Dependencias Federales). 

La promessa di Maduro è quella di regalare due volte al mese ad ogni Stato federato un milione di token Petro. Non ha specificato però per quanto tempo durerà questo vero e proprio airdrop. 

Gli Stati federati saranno liberi di usare i token nel modo che ritengono più opportuno e l’obiettivo di questa iniziativa sarebbe raggiungere l’adozione di massa del Petro.

Tuttavia la decisione di Maduro ha sollevato qualche dubbio. Infatti, ad oggi in teoria risulterebbero in circolazione circa 100 milioni di token Petro, ma con l’airdrop la quantità di Petro distribuiti potrebbe facilmente superare questa soglia. 

Visto che, in teoria, il valore del Petro è ancorato a quello del petrolio, e dato che, sempre in teoria, dovrebbe essere supportato da riserve fisiche di petrolio, l’airdrop sembra incompatibile con il mantenimento del valore del Petro ancorato a quello del petrolio. 

In altri termini sembrerebbe che il Venezuela si stia mettendo a creare grandi quantità di Petro dal nulla, esattamente come ha fatto per molto tempo con il Bolivar generando iperinflazione. 

Non vi sono però ancora conferme tecniche dei numeri illustrati da Maduro, quindi la realtà potrebbe anche essere un po’ differente. 

Come è già stato dimostrato in passato, Petro esiste, ed è utilizzabile con appositi wallet, quindi l’airdrop finalizzato all’adozione di massa avrebbe senso. Quello che invece getta enormi dubbi su questa iniziativa è il fatto che, se le cose andranno esattamente come promesso da Maduro, Petro diventerebbe una moneta inflattiva, e visto quello che è accaduto in passato al Bolivar, a questo punto non ci sarebbe nulla da stupirsi se con l’andare del tempo iniziasse a soffrire anche di iperinflazione, così come accaduto al suo predecessore.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 11mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.