Cina, un investimento di 2 miliardi sulla blockchain
Blockchain

Cina, un investimento di 2 miliardi sulla blockchain

By Alfredo de Candia - 11 Nov 2019

Chevron down

Secondo un report redatto da IDC la Cina è pronta a un investimento di 2 miliardi di dollari sulla blockchain entro il 2022. L’analisi ha preso in considerazione il settore della blockchain a livello generale ed anche delle DLT, ed ha analizzato un tasso di crescita di circa l’84% per i prossimi anni.

Dal report possiamo vedere che solo nel 2017 la Cina ha investito poco meno di $ 80 milioni e che entro il 2022 questa cifra arriverà a sfiorare i $ 2 miliardi, dimostrazione che questo settore può portare innovazione non soltanto sotto l’aspetto delle crypto ma, come visto, a diversi aspetti pratici della vita reale.

La blockchain, come tecnologia, si può applicare a diversi aspetti della vita quotidiana e in un futuro prossimo andrà a sostituire tutte quelle soluzioni che attualmente sono centralizzate rendendole decentralizzate. La blockchain porta benefici sia sotto l’aspetto economico, dato che si riducono i costi in maniera non indifferente e sia sotto l’aspetto della sicurezza, dato che non è possibile attaccare e compromettere un sistema se è altamente distribuito, come quello della blockchain.

L’industria inizia a capire e comprendere la blockchain e questo risveglio continuerà anche nei prossimi anni, come ha spiegato il research manager di IDC China Blockchain Strategies, Yu Xue:

“Nel 2018, molte aziende operanti in un’ampia gamma di settori industriali hanno iniziato a comprendere la blockchain e il suo potenziale di cambiare il mondo delle imprese. Ci aspettiamo che questo interesse per la blockchain continui nel 2019 e nei prossimi tre anni. Come settimo acceleratore di innovazione nell’economia digitale, la blockchain è una grande opportunità per molte aziende di trasformare i processi inefficienti in processi efficienti e sicuri”.

La Cina ha definitivamente cambiato rotta e sarebbe dunque pronta a un ingente investimento per diventare leader del settore blockchain e contrastare la concorrenza. Sicuramente è un paese che potrebbe riuscire a coordinare e finanziare diversi progetti in diversi campi, portando ad una soluzione rapida ed efficiente, rispetto a timidi tentativi individuali di applicare e sfruttare la blockchain in alcuni settori.

Infine c’è la possibilità concreta del lancio del progetto di una valuta digitale nazionale che molto probabilmente arriverà l’anno prossimo, quindi anche sotto l’aspetto delle criptovalute, la Cina è avanti e spinge molto in questa direzione.

 

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.