Cardano: lo staking al debutto
Cardano: lo staking al debutto
Blockchain

Cardano: lo staking al debutto

By Alfredo de Candia - 8 Dic 2019

Chevron down

Mancano poche ore al lancio della Shelley Incentivized Testnet che permetterà finalmente di sfruttare e testare la potenza della blockchain di Cardano per diventare un delegator o un operatore di stake pool.

Solo il mese scorso si erano succedute le varie fasi di snapshot che avevano permesso agli utenti di mettere in staking le proprie crypto ADA per ottenere degli interessi: infatti, chi aveva messo in stake i propri ADA in fase di test, avrebbe mantenuto il premio anche sulla mainnet.

Domani inizierà la fase di test incentivato di Shelley e di conseguenza sarà possibile decidere se diventare un delegator oppure uno stake pool operator della blockchain di Cardano.

Il delegator, e quindi chi attua il processo di delega, è chi detiene crypto ADA e decide di volerli mettere in stake in una stake pool, in quanto non ha la voglia o le capacità di gestire un proprio nodo.

Partecipando in questo modo alla rete, il delegator riesce ad ottenere un premio, sempre in ADA, proporzionale all’ammontare di crypto che si decidono di delegare alla stake pool.

Per quanto concerne la stake pool, questa non è  altro che un gruppo di persone rappresentante un nodo all’interno della rete Cardano che ha un indirizzo pubblico a cui gli utenti si possono collegare e mettere in “stake” (prestare) i propri token così da rafforzare ed incrementare la possibilità per il nodo di diventare slot leader. La ricompensa, in questo modo, va sia al nodo stesso sia a coloro che hanno dato i propri token per quel nodo.

Una delle stake pool, ovviamente open source, si chiama Stakelovelace, che ha un team tutto italiano, ma con nodi collocati in tutta Europa.

Entro la fine dell’anno la blockchain di Cardano potrà sicuramente far parlare di sé e persino battere sul tempo Ethereum (ETH) per quanto concerne il passaggio alla PoS (Proof of Stake), visto che per Ethereum 2.0 è previsto per il 3 gennaio prossimo.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.