Un aumento di capitale sottoscrivibile con criptovalute
Un aumento di capitale sottoscrivibile con criptovalute
Criptovalute

Un aumento di capitale sottoscrivibile con criptovalute

By Marco Cavicchioli - 11 Dic 2019

Chevron down
Ascolta qui
download

BAI.G Research Center ha avviato un aumento di capitale che potrà essere sottoscritto sia in euro che in criptovalute. 

L’azienda italiana, supportata da Young Platform, ha infatti deliberato che parte dell’aumento di capitale potrà essere eseguito anche mediante cessione di crediti supportati da una certa quantità di bitcoin ed ether detenuti presso la piattaforma crypto. 

L’operazione consente di conferire un credito avente come sottostante ether (ETH) e bitcoin (BTC) per sottoscrivere l’aumento di capitale. 

In questo modo gli utenti che vanteranno un credito di questo genere nei confronti di Young Platform potranno cederlo a BAI.G per sottoscrivere l’aumento di capitale, mentre la stessa BAI.G manterrà le proprie criptovalute presso soggetti terzi come Young per l’intera durata della propria esistenza.

Così Young Platform fungerà da custode delle criptovalute per garantire un punto di riferimento soggetto alla giurisdizione italiana nel caso di provvedimenti emessi dalle autorità nazionali. 

Aumento di capitale e criptovalute in Italia

Tempo fa il Tribunale di Brescia negò la possibilità di conferire criptovalute in modo diretto nel capitale sociale a causa del fatto che non avessero una diffusione ed utilizzo tali da poter essere suscettibili di valutazioni economiche certe. 

L’avvocato Massimo Simbula ha spiegato a The Cryptonomist, infatti, che le criptovalute in sé sono talmente volatili da non consentire una valutazione FIAT obiettivamente stimabile.

Pertanto in questo caso, per aggirare il problema, sono stati resi conferibili asset con un valore predefinito, aventi come sottostante delle criptovalute, divenuti crediti verso la società convertiti in conto capitale. Infatti, in questo modo i crediti conferiti hanno un valore determinabile. 

BAI.G Research Center è un’impresa sociale con sede a Milano costituita da un ente di ricerca nel settore del diritto e delle nuove tecnologie, come per l’appunto blockchain e intelligenza artificiale, fondato dalle professoresse Nerina Boschiero e Diana Urania Galetta dell’Università degli Studi di Milano, e da Benedetta Cappiello, Alessandro Negri della Torre, Gabriele Sabbatini, Marco Pagani e Gherardo Carullo.

La startup FinTech torinese Young Agency è il gestore della piattaforma per la compravendita di criptovalute Young Platform, fondata da Andrea Ferrero, Stefan A. Gheban, Samuele Raimondo, Marco Ciarmoli, Andrea Carollo e Daniele Rinaldi. 

Il co-fondatore e CEO di Young Platform, Andrea Ferrero, ha dichiarato:

“Siamo onorati di essere stati scelti da BAI.G per questa operazione, che rappresenta una pietra miliare in ambito italiano. Grazie alla sinergia che creeremo con nuovi partner, siamo fiduciosi di poter dare vita a nuove operazioni che contribuiranno allo sdoganamento della tecnologia blockchain e delle criptovalute nel nostro Paese”.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 11mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.