banner
Crollo del petrolio: cosa è successo veramente?
Crollo del petrolio: cosa è successo veramente?
Fintech

Crollo del petrolio: cosa è successo veramente?

By Federico Izzi - 21 Apr 2020

Chevron down

Quello che ha caratterizzato la giornata di ieri è il crollo dei futures sul petrolio WTI statunitense (West Texas Intermediate).

A differenza dei futures sul brent che, anche se sono scesi ai minimi storici degli ultimi decenni sono riusciti a mantenersi oltre i 20 dollari, quelli su WTI, i futures sul petrolio scambiato sui mercati statunitensi che scadono proprio oggi, martedì 21 aprile, sono stati scambiati in territorio negativo, provocando differenze tra le due scadenze più dirette (maggio e giugno) anche di oltre 60 dollari.

Non è la prima volta a livello storico in cui ciò accade. Se andiamo a ripercorrere la storia prima degli scambi elettronici, anche nel 1987 si registrò una seduta con quotazioni che scesero in territorio negativo, senza però chiudere sotto la parità come, invece, accaduto ieri. 

Questo vuol dire che per disfarsi del contratto i possessori dei future acquistati, solitamente utilizzati da professionisti della finanza oppure operatori del settore, pur di sbarazzarsene preferiscono cederlo in perdita prima della scadenza per non rischiare di doversi accollare costi superiori che richiederebbe lo stoccaggio della stessa materia prima.

In un contesto sociale e sanitario come quello attuale che sta costringendo alla chiusura di molte attività e di conseguenza ad un crollo della domanda di petrolio (a metà aprile si stima di circa il 36%), i produttori di shale oil – la materia prima riferito al WTI – avendo già riempito i serbatoi disponibili per lo stoccaggio hanno preferito pagare l’acquirente per non accollarsi ulteriori spese richieste per l’affitto di serbatoi.

 Questo evidenzia come un eventuale blocco della produzione sia molto più costoso del continuare ad estrarre nuovo petrolio, il cosiddetto shale oil quasi totalmente utilizzato per l’autosufficienza degli Stati Uniti d’America. 

Questo apre ampi scenari del tutto nuovi in un contesto macroeconomico globale già colpito dall’esplosione della pandemia del Coronavirus

Il crollo della domanda del petrolio in Europa e negli Stati Uniti sta cambiando l’aspetto macro economico sia per il trasporto sia per lo stoccaggio di una materia prima che fino a poco più di un decennio fa veniva considerata in via di esaurimento, cosa che oggi non è più, grazie ad un nuovo sistema di estrazione detto ‘fracking’ o fratturazione che ha richiesto importanti investimenti iniziali e che oggi, per determinati conteggi matematici, richiedono meno costi anziché bloccarne la produzione/estrazione.

Federico Izzi
Federico Izzi

Analista finanziario e trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.