Human Rights Foundation raccoglie 130.000$ per il Bitcoin Development Fund
Human Rights Foundation raccoglie 130.000$ per il Bitcoin Development Fund
Bitcoin

Human Rights Foundation raccoglie 130.000$ per il Bitcoin Development Fund

By Marco Cavicchioli - 5 Ago 2020

Chevron down
Ascolta qui
download

La Human Rights Foundation ha annunciato di aver raccolto 130.325$ per il suo Bitcoin Development Fund. 

Si tratta di un fondo creato per supportare gli sviluppatori che stanno lavorando per rendere la rete Bitcoin più privata, decentralizzata e resiliente,

 “in modo che possa servire meglio come strumento finanziario per attivisti per i diritti umani, organizzazioni della società civile e giornalisti di tutto il mondo”.

Human Rights Foundation (HRF) è un’organizzazione senza fini di lucro che vuole promuovere e proteggere i diritti umani a livello globale. 

Fondata nel 2005 dal produttore cinematografico venezuelano Thor Halvorssen Mendoza, ha sede a New York City, ha come attuale presidente il maestro di scacchi russo Garry Kasparov, ed ogni anno organizza l’Oslo Freedom Forum. 

Sulla home page del loro sito si legge: 

“Collaboriamo con attivisti che vogliono cambiare il mondo creando soluzioni innovative per unire il mondo contro la tirannia”. 

Pertanto è più che logico che appoggino il progetto Bitcoin, ed in particolare la libertà finanziaria che garantisce ai propri utenti. 

Come sarà speso il Bitcoin Development Fund

Tra l’altro a donare quei 130.325$ sono state solamente 38 persone, che hanno donato in media più di 3.400$ a testa. 

Quindi sebbene questa campagna non abbia avuto un successo di massa, ha però avuto decisamente successo in quanto a volume dei fondi raccolti. 

I fondi raccolti verranno distribuiti a Openoms, che lavora ad un’interfaccia utente grafica per JoinMarket, Evan Kaloudis, ovvero il creatore dell’app iOS e Android Zeus, e Fontaine, il creatore di Fully Noded. 

Inoltre è stato annunciato un secondo round di raccolta per il Bitcoin Development Fund

HRF spiega: 

“A differenza dei servizi bancari e di pagamento del sistema finanziario tradizionale, Bitcoin è globale e senza confini. Gli utenti non hanno bisogno di un account, non devono fornire alcun documento di identità per utilizzare il servizio, e le loro transazioni non possono essere censurate o bloccate dalle autorità. Non è possibile per governi, aziende o individui con molti bitcoin modificare le regole della rete, impedire a chiunque di accedere al sistema o stampare più bitcoin. Gli utenti possono conservare o memorizzare la password dei propri fondi come una stringa di parole, rendendo molto difficile la confisca. Dati tutti questi attributi, Bitcoin può essere un’ancora di salvezza per i difensori dei diritti umani, soprattutto se la sua privacy e la sua usabilità possono essere migliorate”. 

L’obiettivo è quello di contribuire a rendere Bitcoin uno strumento migliore per la libertà, e per questo i fondi raccolti vengono utilizzati per supportare individui o team che lavorano su progetti specifici che aiutano a migliorare la rete Bitcoin. 

Il 95% dei fondi raccolti viene donato direttamente agli sviluppatori, mentre il 5% viene trattenuto da HRF per supportare la difesa dei diritti umani.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.