Electrum: rubati 1400 Bitcoin (BTC)
Electrum: rubati 1400 Bitcoin (BTC)
Altcoin

Electrum: rubati 1400 Bitcoin (BTC)

By Alfredo de Candia - 1 Set 2020

Chevron down

Pochi giorni fa un utente ha commentato sulla pagina del wallet Electrum, tristemente famoso per essere stato colpito tempo fa da alcuni criminali, dicendo di aver perso tutti i Bitcoin (BTC) che possedeva: ben 1400 BTC che equivalgono attualmente a circa 16 milioni di dollari.

La vicenda è stata pubblicamente raccontata dalla vittima, che ha spiegato di aver trovato un wallet che non usava dal 2017 su cui ha installato una vecchia versione del wallet Electrum.

Così, non appena è saltato fuori il messaggio di aggiornare il wallet, l’utente ha pensato bene di seguire il link, ma ha installato una versione malevola del wallet che ha provveduto a trasferire i fondi a dei criminali in modo automatico.

La community ha subito risposto al ragazzo con messaggi di consolazione per la vittima, che ha scelto il nickname “1400 Bitcoin Stolen”, ma ha dato anche un barlume di speranza al povero utente che ha così scoperto di poter ancora recuperare sia Bitcoin Cash (BCH) che Bitcoin SV (BSV), visto che i fork erano avvenuti dopo il 2017.

Ed infatti la vittima, grazie ai consigli della community, ha potuto almeno recuperare oltre 500mila dollari tra BCH e BSV, quindi almeno è riuscito a recuperare parte dei profitti.

Bitcoin e crimine: attenzione prima di tutto

Purtroppo in questi casi c’è poco da fare, e l’utente in questo caso è stato parzialmente fortunato, ma poteva andare ancora peggio.

Come una favola di Esopo, la morale amara di questa storia è che bisogna sempre stare attenti ad utilizzare prodotti ufficiali e sempre aggiornati e chiedere in anticipo alla community cosa usare, prima di fare qualsiasi operazione.

Altro consiglio è quello di dividere i propri BTC in più indirizzi e di non tenerli tutti presso lo stesso indirizzo in modo da evitare di perdere tutto in un solo colpo.

Purtroppo infatti i crimini e i bug in questo settore sono molteplici, per cui solo stando attenti a tutti i minimi dettagli si può evitare di incorrere nella perdita di importanti cifre.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.