banner
Volumi in contrazione per il mercato delle criptovalute
Volumi in contrazione per il mercato delle criptovalute
Trading

Volumi in contrazione per il mercato delle criptovalute

By Federico Izzi - 7 Dic 2020

Chevron down

Si chiude il primo fine settimana di dicembre senza particolari scossoni e con volumi in decisa contrazione per il mercato delle criptovalute

Bitcoin chiude la settimana oltre i 19.000 dollari, non era mai accaduto nella sua storia. Anche Ethereum termina la settimana con una chiusura sopra i 600 dollari. Non avveniva dall’ultima settimana di maggio 2018, quando chiuse sopra a 619 dollari. Per Ethereum è la terza settimana con chiusura consecutiva al rialzo.

coin360 20201207
Fonte: COIN360.com

 

La giornata conferma un trend al rialzo. La seconda settimana di dicembre inizia con oltre il 60% sopra la parità.

XMR 20201207

Il miglior rialzo è quello di Monero (XMR), con +8%. XMR riconquista per la prima volta dagli ultimi due anni i 140 dollari che non rivedeva da settembre 2018. Questo rialzo la porta in cima tra le migliori performance su base settimanale con + 13%.

LTC 20201207

Tra le migliori c’è anche Litecoin (LTC) che con i rialzi degli ultimi giorni vede un ritorno sopra gli 85 dollari, anche se inferiore ai massimi raggiunti nell’ultima settimana di novembre a 94 dollari. 

Litecoin riconquista la 5° posizione in classifica ai danni di Bitcoin Cash (BCH). LTC oggi capitalizza 5,5 miliardi di dollari, +200 milioni rispetto a BCH. La debolezza che caratterizza Bitcoin Cash le fa rischiare di essere scavalcata da Chainlink (LINK) a ridosso come capitalizzazione totale a BCH che oggi si muove sotto i 290 dollari. 

Il market cap è stabile sopra i 560 miliardi di dollari, in flessione dai top della scorsa settimana quando aveva toccato i 590 miliardi di dollari. Rimane comunque ai livelli più alti degli ultimi due anni e mezzo.

La dominance di Bitcoin rimane poco sopra il 62,5%. Stabile anche quella di Ethereum al 12%. In leggera flessione XRP che scende al 4,9%.

Criptovalute, volumi dimezzati 

I volumi del fine settimana si dimezzano con scambi totali che scendono poco sopra i 130 miliardi di dollari in entrambe le giornate del weekend, in contrazione rispetto ai picchi dei 250 miliardi di dollari nei prossimi giorni.

Anche i volumi di Bitcoin vanno in contrazione con scambi a meno di 2 miliardi di dollari. Per Ethereum, anche se in contrazione con la media di scambi della scorsa settimana, i volumi si mantengono sopra 1,3 miliardi.

La DeFi mantiene il TVL ai livelli più alti di sempre a 14,7 miliardi. In leggero recupero anche gli ETH immobilizzati nei protocolli della finanza decentralizzata, che tornano sopra i 6,85 milioni di ETH. I bitcoin tokenizzati sono sopra i 165.000 BTC.

Maker mantiene la leadership con oltre 2,7 miliardi di dollari tokenizzati. WBTC è in seconda posizione seguita da Compound.

BTC 20201207
Grafico Bitcoin by Tradingview

Bitcoin (BTC)

Bitcoin nonostante la lateralizzazione che vede i prezzi oscillare da una settimana in un’area sopra i 19.300 dollari, precedenti massimi storici battuti all’inizio dell’ultima settimana di novembre ora questo livello ex resistenza è diventato possibile area di consolidamento da parte dei prezzi. Ancora è prezzo per dare certezza di questo movimento. Una eventuale tenuta dei minimi registrati nell’ultima settimana, oltre i 18,300 dollari finirebbe un chiaro segnale di accumulo e ritorno al rialzo per andare a rompere il record storico assoluto del 1 dicembre oltre il 19.950 dollari.

Un segnale di debolezza da parte dei prezzi arriverebbe solo con la rottura dei 17.700 dollari che coincide con la trendline rialzista che unisce i minimi crescenti dalla metà di ottobre scorso. Sopra questo livello ogni movimento verso il basso sarebbe solo un movimento di speculazione ribassista in ottica di breve periodo.

Pericoli per Bitcoin in ottica di medio lungo periodo avverrebbero solamente con un ribasso di oltre 15.000 dollari, livelli distanti di oltre il 23% dalle quotazioni odierne.

 

ETH 20201207
Grafico Ethereum by Tradingview

Ethereum (ETH)

Ethereum oscilla attorno ai 600 dollari da venerdì scorso, facendo su e giù intorno a questa soglia. la resistenza cruciale da abbattere sono i 620 dollari, che negli ultimi 15 giorni hanno respinto per ben tre volte ogni attacco rialzista. Per Ethereum rimane ben solido il trend al rialzo. Ci sarebbe debolezza solo con ribassi sotto i minimi di sabato a 560 dollari. Sopra questo livello ogni movimento da parte di Ethereum sarebbe solo un consolidamento in ottica di breve periodo. 

Pericoli per Ethereum sul medio lungo periodo inizierebbero solamente con ribassi sotto i 400 dollari, livelli distanti di oltre il 35% dalle quotazioni odierne. 

La rottura dei 620 dollari al contrario proietterebbe Ethereum verso i 650 e poi 700 dollari nelle prossime settimane. Al momento non si scorgono pericoli nel medio periodo ma bisogna fare attenzione a questi livelli così alti per movimenti speculativi di breve periodo. 

 

Federico Izzi
Federico Izzi

Analista finanziario e trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.