banner
La Proof of Stake è il Green New Deal delle crypto
La Proof of Stake è il Green New Deal delle crypto
Blockchain

La Proof of Stake è il Green New Deal delle crypto

By Guest post - 23 Mag 2021

Chevron down

La maggior parte degli esperti dicono che la Proof of Stake (PoS) può fornire un futuro notevolmente più verde per il settore delle criptovalute. ‘Proof of equity’ si riferisce ad un algoritmo di consenso che dà autorità decisionale in proporzione alla percentuale di quote detenute in criptovaluta.

Gli amanti e i detrattori di Bitcoin stanno discutendo ferocemente se Bitcoin, la criptovaluta n. 1 in termini di capitalizzazione di mercato, sia un bene per l’ambiente o meno. Gli evangelisti di Bitcoin dicono che:

“la moneta controllata dal governo e l’intera infrastruttura finanziaria che la sostiene rovinano il clima”.

Tuttavia, i critici di Bitcoin sostengono che:

“il processo di estrazione di nuove monete è un enorme spreco di energia che beneficia solo poche persone ad un costo enorme per il pianeta.”

In breve, il processo di produzione della criptovaluta stessa è un “ippopotamo mangia-energia”.

Bitcoin, tuttavia, non è l’unico colpevole nei confronti dell’ambiente nello spazio delle criptovalute. Molti token si basano su algoritmi di consenso proof-of-work che assorbono energia per verificare le transazioni e coniare nuove monete. La proof of work si riferisce ad un algoritmo di consenso che dimostra di aver completato il compito di aggiungere un nuovo blocco alla blockchain.

Anche la rete Ethereum prevede di passare da Proof of Work (PoW) a un più efficiente sistema Proof of Stake (PoS) alla fine del 2021. Attualmente, Bitcoin ed Ethereum insieme rappresentano quasi il 90% del consumo annuale di elettricità di tutte le monete proof-of-work, quindi il resto ha una piccola quota.

Le valute leader del mercato che utilizzano meccanismi di consenso (PoS) che si basano su proprietari di monete più importanti per convalidare le transazioni della blockchain sono Binance Coin, Cardano, Polkadot, Stellar e Solana.

Altri vogliono che il terzo meccanismo di consenso sia più ambientale. Si basa sulla capacità di memorizzazione del disco rigido, non sulla potenza di elaborazione.

Differenze tra Proof of Stake e PoW

Il processo Proof of Stake è certificato da “validatori” che hanno una partecipazione di capitale nella piattaforma. Per qualificarsi come validatore, l’operatore deve avere una ‘quantità minima di token, messi in ‘staking’ o bloccato sull’exchange per un determinato periodo di tempo. I validatori sono ricompensati in modo quasi garantito in quanto guadagnano una commissione sulla transazione.

Equo

Le blockchain Proof of Work creano involontariamente un sistema ingiusto che dà alle persone che acquistano dispositivi hardware potenti una maggiore possibilità di aggiudicarsi la ricompensa del mining. Di conseguenza, avere una maggiore potenza di mining dà la maggiore possibilità di risolvere il problema crittografico per primi.

Questo è il punto in cui la Proof of Stake è diverso. Questo modello impedisce a gruppi di persone di unire le forze per dominare la rete solo per ottenere un profitto. Invece, coloro che contribuiscono alla rete bloccando le loro monete sono ricompensati proporzionalmente all’importo che hanno investito.

Consumo di energia

Come accennato in precedenza, le blockchain Proof of Work come Bitcoin usano grandi quantità di elettricità.  Questo perché il problema crittografico che i minatori devono risolvere è incredibilmente difficile.

Uno studio recente ha scoperto che la quantità totale di elettricità richiesta per mantenere funzionale la rete Bitcoin è più di quella utilizzata da più di 159 singoli paesi! Non solo questo è un male per l’ambiente, ma rallenta anche il tasso al quale le criptovalute possono aumentare la loro adozione nel mondo reale. Questo perché le bollette dell’elettricità devono essere pagate con valuta fiat!

Invece, la Proof of Stake non ha bisogno di problemi molto complessi da risolvere, il che significa che i costi dell’elettricità per verificare le transazioni sono sostanzialmente inferiori.

Attacco del 51%

Un attacco del 51% indica lo sfortunato evento in cui un gruppo o una singola persona guadagna più del 50% della potenza totale di mining. Se questo accadesse in una blockchain Proof of Work come Bitcoin, permetterebbe alla persona di apportare modifiche ad un particolare blocco. Se questa persona fosse un criminale, potrebbe alterare il blocco per il proprio vantaggio.

Un recente esempio di un attacco del 51% è avvenuto contro la blockchain Verge, che ha permesso all’hacker di portarsi via 35 milioni di monete XVG. Al momento dell’attacco, questo ammontava a un valore reale di 1,75 milioni di dollari!

Quando si utilizza un meccanismo di consenso Proof of Stake, non avrebbe senso dal punto di vista finanziario tentare di eseguire un attacco del 51%. Per ottenere questo risultato, il malintenzionato dovrebbe mettere in staking almeno il 51% della quantità totale della criptovaluta in circolazione. L’unico modo in cui potrebbero farlo è acquistare le monete sul mercato aperto. Questo significherebbe spendere molto di più di quanto si potrebbe guadagnare dall’attacco. Non solo, ma una volta che il resto della rete realizzasse cosa è successo, il malintenzionato perderebbe tutta il proprio stake!

Informazioni su OneLedger

OneLedger è il protocollo universale Decentralized Proof of Stake (DPoS) blockchain che permette:

  • Accesso cross-ledger attraverso la modularizzazione del business
  • Scalabilità ad alte prestazioni utilizzando il meccanismo di consenso sharded e modificato Byzantine Fault Tolerant

OneLedger mira a consentire alle aziende e agli individui di costruire applicazioni attraverso gli strumenti di modularizzazione di OneLedger, che poi comunicheranno con il protocollo OneLedger utilizzando il suo gateway Application Programming Interface (API).

Autore

George Connolly, presidente di Oneledger

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.