banner
Bitcoin: aumenta la difficulty del mining di BTC
Bitcoin: aumenta la difficulty del mining di BTC
Mining

Bitcoin: aumenta la difficulty del mining di BTC

By Marco Cavicchioli - 2 Ago 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

Il 31 luglio si è verificato un aumento automatico della difficulty del mining di bitcoin. 

Dopo quattro aggiornamenti consecutivi al ribasso, ne è finalmente arrivato uno al rialzo.

Infatti la difficulty è aumentata del 6%, dopo che complessivamente era scesa del 45% in due mesi.

L’andamento della difficulty del mining di bitcoin

Tutto era iniziato a maggio, con la difficulty che aveva raggiunto il picco massimo di sempre proprio nello stesso periodo in cui la Cina metteva al bando il mining di Bitcoin facendone crollare l’hashrate.

Il 30 maggio è avvenuta una prima forte riduzione della difficulty, del 16%, ma non era bastata a riportare il block-time a 10 minuti.

Così il 13 giugno è avvenuto un secondo calo, di entità molto minore, dopodichè la Cina aveva inasprito il ban ed aveva fatto chiudere altre mining farm.

Con un hashrate sceso fino a 68 Ehash/s a fine giugno, rispetto ai 197 di inizio maggio, fu necessaria un’altra forte riduzione della difficulty addirittura del 28% il 3 luglio, ovvero una delle maggiori in assoluto di sempre.

Per riportare il block-time a 10 minuti fu poi necessaria un’ulteriore riduzione della difficulty il 18 luglio, sebbene di entità limitata.

Nel frattempo però l’hashrate è tornato a crescere, raggiungendo i 115 Ehash/s, ovvero il 70% in più rispetto a fine giugno. In particolare l’incremento del prezzo di bitcoin, tornato a quota 40.000$ circa dopo essere sceso fino a 29.000$ il 20 luglio, ha favorito un incremento dell’hashrate, che a sua volta ha ridotto eccessivamente il block-time, portandolo a 9 minuti.

Per questo motivo il 31 luglio si è reso necessario un incremento del 6% della difficulty, in modo da controbilanciare l’aumento dell’hashrate e riportare il block-time attorno ai 10 minuti.

Va detto comunque che l’attuale livello di difficulty rimane molto basso, pari a quello di ottobre dell’anno scorso, quando il prezzo di bitcoin era ancora abbondantemente sotto i 13.000$.

Qualora l’incremento del prezzo continuasse nelle prossime settimane, ci si potrebbe attendere un’ulteriore crescita dell’hashrate con la necessità di un altro incremento della difficulty.

Ricordiamo che questi aggiornamenti della difficulty avvengono in modo automatico, e sono di fatto decisi dallo stesso protocollo pubblico ed open source di Bitcoin, che prevede obbligatoriamente che ogni 2.016 blocchi minati (più o meno due settimane) la difficulty vada ricalcolata sulla base del block-time dei blocchi precedenti, in modo da assicurare che il block-time dei successivi blocchi sia all’incirca sempre di 10 minuti.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.