Corea del Sud: 20% di tasse sui guadagni in crypto dal 2022
Corea del Sud: 20% di tasse sui guadagni in crypto dal 2022
Criptovalute

Corea del Sud: 20% di tasse sui guadagni in crypto dal 2022

By Stefania Stimolo - 8 Ott 2021

Chevron down
Ascolta qui
download

In Corea del Sud, il Ministro delle Finanze afferma che le misure di tassazione sulle criptovalute, come il 20% di tasse sui guadagni in crypto, entreranno in vigore nel 2022.

La presente misura ha subito un ritardo di tre mesi, in quanto era stata prevista la sua entrata in vigore da questo ottobre 2021. 

Corea del Sud e le misure di tassazione nel settore crypto

Secondo quanto riportato, il vice Primo Ministro e Ministro delle Finanze, Hong Nam-ki ha affermato che l’entrata in vigore delle misure di tassazione nel settore crypto è stato rinviato all’inizio del 2022.

La causa del ritardo sembra essere la richiesta da parte dei legislatori dei partiti di governo e di opposizione di ritardare l’applicazione in vista delle elezioni presidenziali del prossimo anno.

Tra le varie misure, c’è la già prevista tassa del 20% sui guadagni in crypto di oltre 2,5 milioni di won (2.125 dollari) realizzati in un periodo di un anno. 

A sollevare la questione è stato Yoo Gyeong-joon del principale partito di opposizione People Power Party che ha affermato:

“Non ci sono misure di cooperazione transfrontaliera sulla tassazione dei guadagni del crypto trading. È semplicemente una tassazione ingiusta per gli utenti degli scambi locali rispetto a quelli che tradano all’estero”.

Dal canto suo, Nam-ki mette fretta sulla questione, rispondendo come segue:

“Ogni ulteriore ritardo nell’applicazione già rinviata porterà alla perdita di fiducia del pubblico nella politica del governo e minerà la stabilità del sistema legale. Abbiamo preparato misure per la tassazione negli ultimi due anni. La nuova legge che disciplina il bene digitale, insieme alla revisione di quella esistente, fornisce motivi sufficienti per il governo”.

Corea
Corea e nuove leggi sulle criptovalute

Sotto il mirino legislativo e fiscale anche gli exchange

Un’altra questione legislativa e fiscale riguarda anche gli exchange, su cui il presidente della Commissione per i servizi finanziari (FSC) Koh Seung-beom si sarebbe espresso come segue:

“Discuteremo i requisiti per la quotazione e la cancellazione delle criptovalute, insieme a come operano le imprese di criptovalute”

In questo senso, il top exchange di riferimento in Corea del Sud sarebbe Upbit che, negli ultimi due anni e mezzo, è cresciuto dell’80% di quota di mercato. A tal proposito il legislatore Min, avrebbe evidenziato la situazione come segue:

“Un totale di 298 monete sono state listate da Upbit, circa la metà delle quali, o 145, sono state delistate. Questo mostra il trading sconsiderato di altcoins, quelli diversi dai bitcoin. Abilitato da Upbit, ha ricevuto 4 trilioni di won in commissioni di quotazione e 31,4 miliardi di won in commissioni di trading”.

Lo scorso mese, la Cnbc avrebbe fatto sapere che la legge coreana entrata in vigore sulle crypto, avrebbe messo al tappeto 60 crypto-exchange, perchè non rientravano negli standard richiesti.

Solo Upbit, Bithumb, Coinone e Korbit sarebbero sopravvissuti, riuscendo a continuare ad operare nel paese. La nuova regolamentazione potrebbe creare altri limiti fiscali anche ai presenti exchange. 

Corea del Sud e l’esclusione dalla tassazione degli NFT

Nel presente mandato che entrerà dunque in vigore il primo gennaio 2022, Nam-ki avrebbe confermato che gli NFT o Non-Fungible Token saranno esclusi dalla nuova misura di tassazione. 

Pare che in Corea del Sud gli NFT non siano ancora classificati come digital asset, infatti, le autorità di regolamentazione non si sono ancora espresse al riguardo.

Diversa è invece la situazione in altri paesi, come Stati Uniti e Regno Unito, per cui le vendite di NFT sono soggette alla tassa sulle plusvalenze. Questo non esclude che in un futuro non tanto lontano, anche la Corea del Sud porterebbe gli NFT sotto tassazione. 

Stefania Stimolo

Laureata in Marketing e Comunicazione, Stefania è un’esploratrice di opportunità innovative. Partendo come Sales Assistant per e-commerce, nel 2016 inizia ad appassionarsi al mondo digitale autonomamente, inizialmente in ambito Network Marketing dove conosce e si appassiona dell’ideale di Bitcoin e tecnologia Blockchain diventandone una divulgatrice come copywriter e traduttrice per progetti ICO e blog, ed organizzando corsi conoscitivi.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.