Binance, $1 miliardo nel Secure Asset Funds per proteggere gli utenti
Binance, $1 miliardo nel Secure Asset Funds per proteggere gli utenti
Sicurezza

Binance, $1 miliardo nel Secure Asset Funds per proteggere gli utenti

By Vincenzo Cacioppoli - 11 Feb 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Per salvaguardare la sicurezza dei conti dei propri utenti dagli attacchi hacker, il più grande exchange del mondo, Binance, nel luglio del 2018 aveva istituito un apposito fondo di garanzia, il Secure Asset Funds, che pochi giorni fa avrebbe superato 1 miliardo di dollari di valore.

Secure Asset Funds, così Binance protegge gli utenti

Il fondo era alimentato da una parte delle commissioni che l’exchange guadagna dalle transazioni dei suoi utenti. 

Changpeng Zhao (CZ), Fondatore e CEO di Binance, ha dichiarato per commentare questo importante traguardo raggiunto dalla società che: 

“In Binance abbiamo sempre detto ‘i fondi sono al sicuro’, e oggi la dimensione del Binance Secure Asset Fund funge da efficace salvaguardia e protezione per gli utenti da problemi così improbabili. Insieme alla nostra sicurezza all’avanguardia, siamo fiduciosi che gli interessi dei nostri utenti siano ben protetti”.

CZ, da sempre molto attento al tema della trasparenza, della fiducia e della sicurezza dei propri utenti, dopo il grave attacco del 2019 che ha sottratto dall’exchange 41 milioni di dollari in Bitcoin, ha aggiunto:

 “La trasparenza è un elemento importante per creare fiducia, motivo per cui stiamo pubblicando l’indirizzo del nostro portafoglio di fondi assicurativi. Chiediamo a tutti gli scambi centralizzati di fare lo stesso in quanto andrà a beneficio dell’intero ecosistema e dimostrerà a governi, autorità di regolamentazione e importanti parti interessate il nostro impegno collettivo a sostenere la fiducia, l’integrità e la trasparenza nell’ecosistema crittografico”.

Binance Secure Asset Funds
Nel 2019 Binance fu hackerato

I ransomware nel 2021

Secondo la società di consulenza informatica Chainalysis nel 2021 si sarebbero pagati circa 600 milioni di dollari per i ransomware, cioè il pagamento di riscatto a causa di furto di dati da parte di attacchi hacker. Il dato ancora non completo sarebbe inferiore a quello del 2020 in cui la cifra ammontava ad oltre 692 milioni di dollari. Ma gli analisti della società hanno fatto sapere che probabilmente alla fine sarà molto superiore a quello del 2020.

Si legge nel rapporto:

“Prove aneddotiche, oltre al fatto che le entrate del ransomware nella prima metà del 2021 hanno superato quelle della prima metà del 2020, ci suggeriscono che il 2021 alla fine si rivelerà essere un anno ancora più grande per il ransomware” 

Binance investe in Forbes

Nel frattempo sempre Binance ha annunciato pochi giorni fa un consistente investimento da 200 milioni di dollari in Forbes, una delle più autorevoli ed antiche riviste di finanza mondiale, fondata 104 anni fa.

Il nuovo investimento dovrebbe portare la società a quotarsi in Borsa dopo la fusione con una SPAC, e Binance dovrebbe diventare il secondo maggior azionista della nuova compagnia.

Secondo gli esperti questa mossa da parte di Zhao rappresenta un passo verso lo sviluppo dei contenuti da portare avanti nel progetto del Web 3.0., come ha affermato lo stesso ceo della società.

“Man mano che le tecnologie Web3 e blockchain avanzano e il mercato delle criptovalute diventa maggiorenne, sappiamo che i media sono un elemento essenziale per costruire una comprensione e un’istruzione diffuse da parte dei consumatori. Non vediamo l’ora di rafforzare le iniziative digitali di Forbes mentre si evolvono in una piattaforma di approfondimenti sugli investimenti di livello successivo”.

Vincenzo Cacioppoli

Vincenzo è genovese di nascita ma milanese di adozione. E' laureato in scienze politiche. E' un giornalista, blogger, scrittore, esperto di marketing e digital advertising. Dopo una lunga esperienza nel marketing tradizionale, comincia attività con il web e il digital advertising nel 2011 fondando una società Le enfants. Da sempre appassionato di web e innovazione, nel 2018 approfondisce le tematiche legate alla blockchain e alle criptovalute. Trader indipendente in criptovalute dal marzo 2018, collabora con aziende del settore come content marketing specialist. Nel suo blog. mediateccando.blogspot.com, da tempo si occupa soprattutto di blockchain, che considera come la più grande innovazione tecnologia dopo Internet. A novembre è prevista l'uscita del suo primo libro sulla blockchain e il fintech.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.