Truffa Bitcoin in Spagna: l’allarme dell’autorità CNMV
Truffa Bitcoin in Spagna: l’allarme dell’autorità CNMV
Sicurezza

Truffa Bitcoin in Spagna: l’allarme dell’autorità CNMV

By Martina Canzani - 16 Feb 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Oggi purtroppo dobbiamo raccontare dell’ennesima truffa, stavolta in Spagna, che cerca di far leva sulle potenzialità e sulla popolarità di Bitcoin.

L’avviso della CNMV della truffa Bitcoin in corso in Spagna

Il protagonista della vicenda è il CNMV, autorità di regolamentazione dei titoli spagnola. 

Nelle ultime ore l’ufficio ha emesso un avviso, rivolto principalmente ai suoi concittadini, per informare, attraverso una dichiarazione ufficiale, della presenza di qualcuno che si spaccia per una inesistente dipartimento antifrode della CNMV, che chiede informazioni e si offre di vendere Bitcoin per suo conto. 

Come funziona la truffa

Nel comunicato viene spiegato che i truffatori eseguono l’estorsione attraverso telefonate molto persuasive, chiedendo inizialmente solo alcune informazioni personali ai malcapitati e solo successivamente offrendo la possibilità agli stessi di acquistare Bitcoin.

I malfattori specificano anche, per essere più credibili, che le criptovalute in questione sono state confiscate ad una società incriminata dai tribunali spagnoli.

Bitcoin truffa Spagna
In Spagna dei truffatori si spacciano per la CNMV per vendere presunti Bitcoin sequestrati

Quindi quello che sta facendo l’autorità di regolamentazione dei valori mobiliari spagnola (CNMV) è cercare di mettere in guardia tutti i suoi concittadini da una serie di truffatori che presentano opportunità di investimento sotto mentite spoglie. 

Affermano poi di aver già segnalato questa irregolarità alle autorità, per individuare i responsabili e contrastare queste iniziative. 

Il Presidente del dipartimento ha infatti così dichiarato:

“Non appena è venuta a conoscenza dei fatti, la CNMV ha svolto diverse azioni, tra cui l’allerta alle Forze e ai Corpi di sicurezza dello Stato”.

Quindi, come emerge dalle dichiarazioni del regolatore spagnolo, avrà sicuramente luogo anche un’azione legale contro le parti che effettuano questi tentativi di truffa.

Raccomandazioni per evitare di essere truffati

Il CMNV ha anche formulato una serie di raccomandazioni per i cittadini e ha chiesto agli stessi di contattare direttamente l’Autorità di regolamentazione in caso di attività sospette. 

Inoltre, l’istituzione ha consigliato agli utenti di verificare che le e-mail ricevute sotto il loro stesso nome, provengano dal dominio cnmv.es così da poter escludere potenziali tentativi di frode.

Allo stesso tempo, l’ente ha anche chiarito che non contatterà mai alcun cittadino per presentare opportunità di investimento, di conseguenza qualsiasi contatto di questo tipo deve assolutamente essere considerato sospetto fin dal principio e dev’essere segnalato alle autorità competenti.

 

Martina Canzani

Laureata in Legge all'Università degli Studi di Milano. Concluso il percorso accademico ha iniziato ad interessarsi al mondo della blockchain, trovando in quest'ultimo un potente strumento di riscatto. La passione si è poi trasformata in lavoro, ora infatti investe in progetti early-stage di finanza decentralizzata e DAO e scrive articoli raccontando tutte le news riguardanti il mondo crypto.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.