Scendono i prezzi dei terreni nel metaverso
Scendono i prezzi dei terreni nel metaverso
News dal Mondo

Scendono i prezzi dei terreni nel metaverso

By Vincenzo Cacioppoli - 8 Apr 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Nel mese scorso i prezzi dei terreni acquistabili nel metaverso sarebbero scesi del 18% dai massimi del mese precedente.

Il metaverso subisce un calo dei prezzi

prezzi proprietà virtuali
I prezzi della terre virtuali nei principali metaversi subiscono un calo del 18%

Come nella vita reale anche nel metaverso, il nuovo mondo virtuale di cui tutti parlano, i prezzi dei terreni e delle case sono sottoposti alle fluttuazioni di mercato, e rispondono alle logiche della domanda e dell’offerta.

Dopo che i prezzi dei terreni a Febbraio hanno raggiunto un massimo storico, a marzo gli stessi hanno subito una flessione del 18%, questo almeno secondo l’indice Meta Metriks, che misura i 30 principali mondi virtuali attualmente presenti.  

Questo sta seguendo anche il calo di tutti i maggiori token che si occupano appunto di metaverso e di compravendita di terreni e case nel mondo virtuale. 

Decentraland, The Sandbox e Axie Infinity, hanno subito pesanti cali anche del 40/50% dai massimi storici a novembre dello scorso anno.

Ma sempre secondo Meta Metriks i prezzi rispetto al marzo dello scorso sono sempre in forte risalita. Quindi gli esperti della società di analisi considerano che investire in terreni o in token di società del metaverso sia comunque sempre un ottimo investimento, anche superiore a Bitcoin o Ethereum.

Metaverso: è ancora un buon investimento?

Meta Metriks ha comunicato che a marzo, le proprietà nel metaverso hanno ottenuto guadagni di 2,6 volte superiori rispetto a ETH nell’ultimo anno. Alcuni lotti venduti sul metaverso hanno ritorni sull’investimento del 14.000%.

Secondo gli esperti quello che fa schizzare il costo e il ritorno sull’investimento di un terreno sul metaverso è determinato soprattutto dalla scarsità degli stessi presenti sulle principali piattaforme di metaverso come Decentraland o Sandbox.

Sandbox avrebbe a disposizione attualmente 166.464 lotti di terreno, di circa 96 x 96m2. Il metaverso Decentraland, che è governato da un’organizzazione decentralizzata autonoma (DAO), ha invece 90.601 lotti di terreno, ma solo circa 44.000 di essi sono assegnati per acquisti e vendite private.

Grandi aziende come PricewaterhouseCoopers, Adidas and Warner Music Group hanno già investito nell’acquisto in terreni virtuali sul metaverso.

Tim Sweeney, CEO di Epic Games, la società dietro Fortnite, ha sostenuto di recente che:

“Il metaverso ha il potenziale per diventare una parte multimiliardaria dell’economia mondiale nei prossimi decenni”

I maggiori investimenti per ora registrati sul metaverso sono stati quelli della società specializzata in investimenti nel metaverso e negli NFT Republic Realm, che ha pagato, lo scorso anno $4,3 milioni per avere un lotto di terreni in The Sandbox, e l’acquisto di lotti per $2,4 milioni in Decentraland. 

Alcuni esperti però sono convinti che tutta questa terra virtuale potrebbe alla fine diventare priva di valore, poiché mentre le piattaforme affermano di avere dimensioni limitate, in realtà il metaverso proprio per il fatto di essere virtuale non dovrebbe e non potrebbe essere limitato nello spazio. 

Presto potrebbero aggiungersi molte società e molti altri terreni, che farebbero inevitabilmente precipitare il valore dei terreni stessi. 

Il broker e sviluppatore immobiliare commerciale Jay Gaudet, che ha un’azienda che fornisce consulenza per la piattaforma metaverse SuperWorld, ha dichiarato al giornale online Bisnow.com a fine marzo:

“In questo momento nello spazio immobiliare virtuale, vedi molte persone che stanno semplicemente eseguendo su FOMO e quindi non vogliono perdere il treno. Non so per forza cosa ne farò in seguito, ma voglio buttarmi dentro.”

Vincenzo Cacioppoli

Vincenzo è genovese di nascita ma milanese di adozione. E' laureato in scienze politiche. E' un giornalista, blogger, scrittore, esperto di marketing e digital advertising. Dopo una lunga esperienza nel marketing tradizionale, comincia attività con il web e il digital advertising nel 2011 fondando una società Le enfants. Da sempre appassionato di web e innovazione, nel 2018 approfondisce le tematiche legate alla blockchain e alle criptovalute. Trader indipendente in criptovalute dal marzo 2018, collabora con aziende del settore come content marketing specialist. Nel suo blog. mediateccando.blogspot.com, da tempo si occupa soprattutto di blockchain, che considera come la più grande innovazione tecnologia dopo Internet. A novembre è prevista l'uscita del suo primo libro sulla blockchain e il fintech.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.