Facebook Pay sarà presto ribattezzato in Meta Pay
Facebook Pay sarà presto ribattezzato in Meta Pay
Fintech

Facebook Pay sarà presto ribattezzato in Meta Pay

By Stefania Stimolo - 18 Mag 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Stephane Kasriel, responsabile fintech di Meta, ha affermato che presto Facebook Pay diventerà Meta Pay. 

Facebook Pay presto diventerà Meta Pay, parola di Kasriel

In un blog post di Stephane Kasriel, il responsabile fintech di Meta ha parlato del rebrand di Facebook Pay in Meta Pay, con l’obiettivo di migliorare le esperienze di pagamento col Web3. 

Meta e metaverso, sono per Kasriel l’espressione di nuove esperienze, includendo anche quelle di pagamento. Per questo motivo, descrive in tre principali punti come Meta intende operare in questo senso. 

Innanzitutto, Kasriel spiega che Meta (ex Facebook) è già nel settore dei pagamenti dal 2009, utilizzata in 160 Paesi con 55 valute e che il prossimo passo sarà quello di concentrarsi proprio su questi Paesi, piuttosto che l’espansione in nuovi. 

In secondo luogo, un altro obiettivo di Meta Pay nei pagamenti sarà quello di semplificare l’esperienza sulle piattaforme, rendendolo interoperabile con il metaverso. A tal proposito, Kasriel sottolinea come Meta si trovi ancora nelle primissime fasi di definizione. 

L’ultimo punto di evoluzione per Meta Pay sarà quello di supporto per le aziende e i creatori ad acquisire e servire meglio i loro clienti e fan, attraverso le nuove attività che offre il metaverso. Nello specifico, Kasriel osserva che per le aziende stanno investendo nel commercio tramite messaggistica mentre, per i creatori, stanno investendo per aiutarli a monetizzare attraverso nuovi prodotti e funzionalità che semplificano i pagamenti.

meta pay
Meta mira a rivoluzionare i pagamenti attraverso il nuovo servizio Meta Pay

Meta Pay e la mission futura descritta da Kasriel 

Meta Pay sarà quindi un’evoluzione di Facebook Pay nei pagamenti, proprio come Meta Platform lo è stato per Facebook, quando è avvenuto il rebrand dell’azienda nell’ottobre 2021. 

Guardando il futuro, Kasriel ha poi descritto la missione generale che si vuole realizzare con Meta Pay come segue:

“Il nostro percorso è basato sulla nostra missione di consentire a tutti, ovunque, di accedere al sistema finanziario mondiale per accelerare l’inclusione finanziaria e l’emancipazione economica. Progettare oggi prodotti e infrastrutture tenendo conto del metaverso contribuirà a facilitare l’innovazione che offre un maggiore accesso e un reale risparmio sui costi, prima ancora che il metaverso diventi mainstream. È il momento di gettare le basi per il futuro. Perché una volta poste le basi, il potenziale del metaverso e la direzione che può prendere il fintech saranno illimitati.”

Dai pagamenti all’informazione: il ripensamento di Zuckerberg

Di recente, Mark Zuckerberg, leader dei social network con Meta, sembra abbia deciso di rivedere le partnership con le testate giornalistiche, per ottimizzare le risorse in vista del tanto atteso metaverso di Facebook. 

Ad esempio dal 2009, Facebook era in partnership con Wall Street Journal e il Washington Post per produrre contenuti nella sezione notizie nell’app del social. Ora, però, l’imprenditore sembra stia cambiando idea su come investire le sue risorse in modo più efficace su questo tema. 

In pratica, Zuckerberg sta pianificando di delegare l’informazione che resta centrale ad una serie di privati con brevi video, in modo che Meta diventi una sorta di agenzia di stampa con inviati in tutto il mondo. 

Stefania Stimolo

Laureata in Marketing e Comunicazione, Stefania è un’esploratrice di opportunità innovative. Partendo come Sales Assistant per e-commerce, nel 2016 inizia ad appassionarsi al mondo digitale autonomamente, inizialmente in ambito Network Marketing dove conosce e si appassiona dell’ideale di Bitcoin e tecnologia Blockchain diventandone una divulgatrice come copywriter e traduttrice per progetti ICO e blog, ed organizzando corsi conoscitivi.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.