La guida per le stablecoin dello Stato di New York
La guida per le stablecoin dello Stato di New York
Regolamentazione

La guida per le stablecoin dello Stato di New York

By Marco Cavicchioli - 9 Giu 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Il Department of Financial Services (DFS) dello Stato di New York ha rilasciato una nuova Regulatory Guidance per le stablecoin ancorate al dollaro USA.

Lo Stato di New York rilascia una guida per la conformità delle stablecoin

stablecoin dollaro usd
Gli emittenti di stablecoin ancorate al dollaro possono ora contare su una chiara guida normativa

La guida è stata pubblicata dalla sovrintendente del DFS, Adrienne A. Harris, e stabilisce i criteri fondamentali per le stablecoin in USD emesse da entità regolamentate dal DFS stesso.   

La nuova guida normativa affronta in particolare quattro temi. 

Il supporto dei token

Il primo, ovviamente, è il supporto dei token e la loro piena riscattabilità in dollari. Infatti, secondo questa guida le stablecoin USD devono essere completamente supportate da riserve di valore. Quindi, il valore di mercato della riserva deve essere almeno pari al valore nominale di tutte le unità in circolazione della stablecoin alla fine di ogni giorno lavorativo.

L’emittente, inoltre, deve adottare politiche di rimborso chiare ed evidenti, approvate in anticipo dal DFS. In questo modo ciascun detentore della stablecoin ha il diritto legale di riscattare i suoi token alla pari con dollari USA. 

La struttura delle riserve

Tuttavia la guida affronta anche la questione della tipologia delle riserve, che devono essere separate dagli asset di proprietà dell’emittente, e devono essere tenute in custodia presso depositari statunitensi. 

La riserva può essere costituita solamente da Buoni del Tesoro o pronti contro termine

Inoltre, deve essere soggetta a verifica almeno una volta al mese da parte di un Certified Public Accountant (“CPA”) indipendente autorizzato negli USA, secondo gli standard di attestazione dell’American Institute of Certified Public Accountants (” AICPA”). 

Insomma, non c’è nulla di veramente nuovo se non l’attestazione dell’obbligo di rispettare questi requisiti per poter operare nello Stato di New York a norma di legge. 

Livello di cybersecurity dell’emittente

DFS, inoltre, prima di autorizzare un’entità regolamentata ad emettere una stablecoin esamina anche altri criteri, tra cui quelli legati ai rischi di sicurezza informatica ed alla tecnologia dell’informazione, oltre a quelli tecnologici ed antiriciclaggio. 

Un quadro normativo chiaro per gli emittenti di stablecoin

Lo scopo della nuova guida normativa è evidentemente stabilire quali sono i requisiti di base obbligatori per gli emittenti delle stablecoin in USD autorizzate da DFS ad operare nello Stato di New York. Non si applica però a stablecoin su USD emesse da entità non regolamentate da DFS. 

Ad oggi risultano regolamentate da DFS le stablecoin USDP, BUSD, GUSD e ZUSD. 

DFS fa anche sapere che le informazioni contenute nella guida non intendono essere esaustive, tanto che si riserva di aggiornarle di volta in volta per qualsiasi motivo. 

La sovrintendente Harris ha dichiarato: 

“Da quando DFS ha approvato l’emissione delle prime stablecoin garantite da USD a New York, nel 2018, le nostre entità regolamentate hanno dovuto soddisfare requisiti di riserva conservativi e fornire attestazioni di routine per proteggere i consumatori e garantire la stabilità delle monete emesse. Sfruttando i nostri anni di esperienza nel settore, la nostra guida normativa crea oggi criteri chiari per le società di valute virtuali che desiderano emettere stablecoin garantite da USD a New York”.  

Marco Cavicchioli

"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.