99 Originals: nuovo progetto NFT di Paul Logan
99 Originals: nuovo progetto NFT di Paul Logan
NFT

99 Originals: nuovo progetto NFT di Paul Logan

By Vincenzo Cacioppoli - 18 Giu 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Dopo le critiche del precedente progetto, lo youtuber 27enne americano, Paul Logan lancia un nuovo progetto NFT: 99 Originals.

La nuova collezione NFT di Paul Logan: 99 Originals

nft 14 bored ape
L’NFT #14 “Bored Ape” della collezione 99 Originals

Il giovane youtuber americano di origine britanniche Paul Logan, con oltre 7 milioni di follower, ha lanciato un nuovo progetto in NFT, ma il progetto sembra aver ricevuto una reazione piuttosto tiepida da parte degli utenti che sono ancora scottati dal fallimento dei suoi precedenti NFT, primo fra tutti Crypto Zoo.

Il progetto rappresentava una serie di NFT di animali ibridi lanciati nell’agosto 2021 che è implosa al momento del lancio e ha lasciato gli investitori che ci avevano creduto con un pugno di mosche in mano.

Qualcuno aveva pensato che si trattasse di una serie di truffe. Alcuni investitori avrebbero perso nel progetto centinaia di migliaia di euro e il buco creato ammonterebbe secondo alcuni calcoli ad oltre 5 milioni di dollari.

Paul Logan è diventato celebre nel mondo degli NFT per i ricavati incredibili che avrebbe ottenuto acquistandone alcuni sul mercato, come da lui ammesso:

“Mi sono svegliato stamattina per vedere il mio [World of Women NFT] venduto per 200 ETH ($765k). Utile di $535k. Normalmente probabilmente non direi nulla, ma questo è probabilmente qualcosa” 

Gli investimenti di Paul Logan nel mondo degli NFT

Logan ha poi rivelato nel dicembre 2021 di aver speso circa $2,6 milioni in varie opere di arte digitale durante tutto l’anno, ma tutto in un’ottica di investimento. Infatti, spesso ha commentato sui social dei suoi strepitosi guadagni dalla vendita degli NFT acquistati. 

Ora con questo nuovo progetto intende rifarsi delle brutte esperienze passate, creando una nuova raccolta chiamata 99 Originals. È stato anche annunciato come una sorta di progetto di redenzione per Paul, in seguito alla sua precedente promozione di un progetto miseramente fallito di una shitcoin denominata Dink Doink.

Paul in un’intervista con The Block il 12 aprile scorso, in occasione del lancio ufficiale del nuovo progetto NFT, ha annunciato: 

“Ci siamo lasciati coinvolgere dalle persone sbagliate che hanno commesso degli errori e degli errori e ora abbiamo una grande squadra che ci sta ancora lavorando”.

Chissà se effettivamente sia stata quella la causa dei fallimenti dello youtuber. Resta il fatto che il mercato NFT, dopo un vero e proprio boom nel 2021, in questi primi mesi del 2022 ha segnato un deciso rallentamento. Certamente un po’ fisiologico, ma anche determinato da alcuni progetti ritenuti poco affidabili e credibili, che hanno determinato una mancanza di fiducia verso l’intero settore. 

Vincenzo Cacioppoli

Vincenzo è genovese di nascita ma milanese di adozione. E' laureato in scienze politiche. E' un giornalista, blogger, scrittore, esperto di marketing e digital advertising. Dopo una lunga esperienza nel marketing tradizionale, comincia attività con il web e il digital advertising nel 2011 fondando una società Le enfants. Da sempre appassionato di web e innovazione, nel 2018 approfondisce le tematiche legate alla blockchain e alle criptovalute. Trader indipendente in criptovalute dal marzo 2018, collabora con aziende del settore come content marketing specialist. Nel suo blog. mediateccando.blogspot.com, da tempo si occupa soprattutto di blockchain, che considera come la più grande innovazione tecnologia dopo Internet. A novembre è prevista l'uscita del suo primo libro sulla blockchain e il fintech.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.