Tether pronta ad un nuovo audit con 12 aziende
Tether pronta ad un nuovo audit con 12 aziende
Stable Coin

Tether pronta ad un nuovo audit con 12 aziende

By Vincenzo Cacioppoli - 20 Giu 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Tether sta preparando una serie di audit con alcune importanti società specializzate, ha annunciato il CTO Paolo Ardoino. Si addensano nuove nubi sulla più grande stablecoin del mercato

Tether si prepara a diverse audit

Con un tweet la società Tether ha comunicato l’intenzione di effettuare nei prossimi giorni, un giro di consultazioni con alcune delle più importanti società di consulenza. Qualcuno chiaramente ha subito avanzato ipotesi che i recenti crolli del mercato e il collasso della stablecoin di Terra, possano avere messo in difficoltà anche Tether, che starebbe cercando di correre ai ripari.

D’altra parte in una sola settimana la stablecoin ha dovuto fare fronte a ritiri record della sua moneta pari a 10 miliardi di dollari, circa il 12% dell’intero circolante di Tether. Si tratta di un dei più imponenti ritiri di denaro della storia, secondo solo forse a quello di 16 miliardi subito dalla Washington Mutual Bank, che ne causò il fallimento nel 2008.

Il 12 maggio scorso per qualche ora Tether ha perso il peg con il dollaro, scivolando a $0.95, scatenando il panico sui mercati, per poi ritrovare la parità a fine giornata.

Ardoino in una intervista alla rivista Euro money, ha detto: 

“Siamo stati sottoposti a uno stress test che nemmeno le banche possono avere successo e abbiamo superato a pieni voti”.

In effetti secondo il CTO, sulla stablecoin si starebbe scatenando la speculazione dei ribassisti, che per ora sembra sia stata respinta.

Ha poi continuato:

“Abbiamo dimostrato che nella peggiore delle ipotesi – quando c’era Terra che crollava, l’intero mercato delle criptovalute crollava e il mercato azionario stava crollando – abbiamo ricevuto una tonnellata di richieste di prelievi e le abbiamo onorate in pochi minuti”.

tether riserve
La società Tether si prepara ad un nuovo audit che verrà condotto da 12 aziende specializzate

I dubbi sulle riserve di liquidità di Tether

La questione su cui continuano ad addensarsi nubi sulla più importante stablecoin al mondo per capitalizzazione, dopo Bitcoin ed Ethereum, è sempre quella relativa alla consistenza delle riserve liquide di Tether. E anche su questo argomento sarebbero incentrati i prossimi audit in programma.

Ardoino che da tempo cerca di rassicurare in tutti i modi della solidità delle riserve aziendali, ha affermato che Tether ha ridotto le sue disponibilità di commercial paper, la maggior parte delle quali ha un rating elevato, passando da $40 miliardi a $15 miliardi negli ultimi otto mesi. Inoltre, ha spostato maggiormente le riserve verso titoli con scadenze comprese tra zero e tre mesi.

Secondo alcuni questi audit servirebbero anche ad allargare il novero delle banche con cui Tether collabora, che sarebbero preoccupate dalle voci e dalla inchieste da parte degli enti regolatori sulla società, che viene spesso accusata di fornire scarse o incomplete informazioni finanziarie.

Il manager ha aggiunto:

“Siamo aperti a fornire di più. Ci auguriamo che le autorità di regolamentazione forniscano chiarezza su ciò che è dovuto essere divulgato. Se riveliamo un [ipotetico] 10, non è giusto che altre stablecoin rivelino un cinque.”

Vincenzo Cacioppoli

Vincenzo è genovese di nascita ma milanese di adozione. E' laureato in scienze politiche. E' un giornalista, blogger, scrittore, esperto di marketing e digital advertising. Dopo una lunga esperienza nel marketing tradizionale, comincia attività con il web e il digital advertising nel 2011 fondando una società Le enfants. Da sempre appassionato di web e innovazione, nel 2018 approfondisce le tematiche legate alla blockchain e alle criptovalute. Trader indipendente in criptovalute dal marzo 2018, collabora con aziende del settore come content marketing specialist. Nel suo blog. mediateccando.blogspot.com, da tempo si occupa soprattutto di blockchain, che considera come la più grande innovazione tecnologia dopo Internet. A novembre è prevista l'uscita del suo primo libro sulla blockchain e il fintech.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.