HomeCriptovaluteStable CoinCircle: maggiore trasparenza sul peg grazie alla New York Community Bank

Circle: maggiore trasparenza sul peg grazie alla New York Community Bank

La società Circle Internet Financial, ovvero l’emittente della stablecoin USD Coin (USDC), ha annunciato ieri una collaborazione con New York Community Bancorp, Inc. (NYSE: NYCB) per avere la banca sussidiaria del gruppo, la New York Community Bank, come custode delle riserve dei dollari peggati a USDC. 

USDC: New York Community Bank garantisce più trasparenza alla stablecoin di Circle

usdc banca
New York Community Bank è la prima banca custode delle riserve fisiche di USDC

USDC è una stablecoin peggata al dollaro americano, quindi ad ogni USDC emesso da Circle deve corrispondere 1 dollaro nelle riserve custodite dalla società in modo che tutti gli utenti, in ogni momento, possano cambiare le loro criptovalute senza paura che non ci sia il collaterale.

Inoltre, le due società lavoreranno insieme per utilizzare la stablecoin e la blockchain di Circle per avere soluzioni a basso costo per i cosiddetti unbanked, ovvero quelle popolazioni che non hanno accesso alle istituzioni finanziarie e, per esempio, non posseggono neanche un conto corrente bancario.

Dante Disparte, Chief Strategy Officer and Head of Global Policy di Circle, ha spiegato: 

“Se vogliamo rendere il futuro del denaro e dei pagamenti più inclusivo che in passato, dobbiamo costruire nuove partnership e connessioni a livello di comunità. Grazie alla collaborazione con NYCB, stiamo aprendo nuovi percorsi affinché le banche comunitarie e gli MDI di tutto il Paese possano essere partecipanti chiave nel mercato in rapida crescita delle risorse digitali”.

Importante dire che la New York Community Bank è la prima banca con cui Circle stringe una collaborazione e quindi l’unica che sarà custode delle riserve di USDC.

Andrew Kaplan, Executive Vice President e Chief Digital Bank e Banking della New York Community Bancorp, Inc., ha invece dichiarato:

“NYCB è orgogliosa di essere uno dei principali innovatori di asset digitali tra le banche statunitensi. Siamo entusiasti del fatto che, oltre ad essere un custode delle riserve USDC, siamo anche in grado di collaborare con Circle su iniziative significative per avere un impatto sull’inclusione e sull’istruzione per le nostre comunità e clienti. Non vediamo l’ora di lavorare a stretto contatto con Circle su questa strategia e di rafforzare ulteriormente la nostra relazione”. 

I vantaggi di questa nuova collaborazione per la credibilità di USDC

Ovviamente, questa partnership è volta ad aumentare la trasparenza delle riserve, soprattutto in un momento in cui Tether acquisisce sempre più volumi e si espande su diverse blockchain, e dopo le incertezze del mercato anche dovute al collasso dell’ecosistema di Terra e Luna e della loro stablecoin UST. 

Chissà se questa nuova mossa di USDC riesca a far alzare i volumi della stablecoin, da sempre popolarmente dichiarata come più affidabile dei concorrenti, ma che in realtà non arriva comunque ad affermarsi come leader del mercato.

Attualmente, comunque, il distacco tra Tether (USDT) e USDC non è ai suoi massimi. Al momento in cui è scritto questo articolo, USDT è al terzo posto per market cap con 66 miliardi di dollari, mentre USDC è dietro di 11 miliardi di dollari con 55 miliardi di dollari di capitalizzazione.

Amelia Tomasicchio
Amelia Tomasicchiohttps://cryptonomist.ch
Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di diversi magazine crypto all'estero e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist, oltre che Italian PR manager per l'exchange Bitget. E' stata nominata una delle 30 under 30 secondo Forbes. Oggi Amelia è anche insegnante di marketing presso Digital Coach e ha pubblicato un libro "NFT: la guida completa'" edito Mondadori. Inoltre è co-founder del progetto NFT chiamati The NFT Magazine, oltre ad aiutare artisti e aziende ad entrare nel settore. Come advisor, Amelia è anche coinvolta in progetti sul metaverso come The Nemesis e OVER.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS