Report di CoinGecko: anche le stablecoin hanno perso
Report di CoinGecko: anche le stablecoin hanno perso
Stable Coin

Report di CoinGecko: anche le stablecoin hanno perso

By Marco Cavicchioli - 14 Lug 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Il celebre aggregatore crypto CoinGecko ha pubblicato il suo rapporto trimestrale sul secondo trimestre del 2022.

Rapporto di CoinGecko: stablecoin in calo

Tra i vari punti salienti il rapporto mette in evidenza il fatto che nel trimestre concluso il 30 giugno anche le stablecoin hanno subito delle perdite, in particolare nella loro capitalizzazione di mercato complessiva. 

Infatti in tre mesi la capitalizzazione di mercato complessiva delle stablecoin ancorate al dollaro è scesa del 18%, con una riduzione di 34 miliardi di dollari. 

Buona parte di questo calo è dovuto ovviamente alla scomparsa di UST, ora USTC, che ha bruciato in un solo colpo oltre 18 miliardi di dollari. Tuttavia il calo nel complesso si è verificato anche nelle altre stablecoin, con USDT ad esempio scesa da 83 a 66 miliardi. USDC invece è passata da 51 a 55 miliardi. 

Tale diminuzione suggerisce che parte del capitale è a tutti gli effetti fuoriuscito dai mercati crypto, mentre nel primo trimestre gli investitori avevano ridotto i rischi proprio acquistando stablecoin. 

Ovviamente il singolo evento di maggior rilievo nel trimestre è stata l’implosione dell’ecosistema Terra, che ha contagiato anche bETH e stETH. 

L’altro evento di grande rilievo è stato il blocco dei prelievi di Celsius, ed il fallimento di 3AC, prima, e di Voyager poi. Anche protocolli DeFi come Maple Finance hanno subito importanti perdite a causa di questo contagio. 

L’implosione di Terra ha innescato una sequenza di problemi a cascata che ha provocato grossi danni all’ecosistema crypto. Ad esempio il TVL totale dei protocolli DeFi è crollato del 55% nel corso del trimestre.

Gran parte della capitalizzazione di mercato dei token DeFi è stata spazzata via a causa del crollo di Luna e UST, con i protocolli dell’ecosistema Terra letteralmente spazzati via, insieme a quelli che supportavano questi asset. 

Oltretutto sono anche aumentati gli exploit a protocolli DeFi, colpendo progetti come Inverse e Rari. 

Anche il volume degli scambi sui DEX è sceso molto, del 38,6%. Uniswap è ancora il DEX dominante, ma Curve ha registrato la maggiore crescita trimestrale. In particolare il report fa notare che i DEX su Solana e BNB Chain hanno aumentato o mantenuto la loro quota di mercato relativa. 

Infine ha sofferto anche il mercato degli NFT, con la quota di OpenSea scesa dal 59% al 42%, ed i concorrenti Magic Eden e X2Y2 che guadagnano terreno grazie soprattutto all’integrazione con SolanaComplessivamente la capitalizzazione di mercato totale delle criptovalute nel secondo trimestre del 2022 è scesa al di sotto dei 1.000 miliardi di dollari, con un crollo del 50% rispetto al dato conclusivo del primo trimestre.

Marco Cavicchioli

"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.