Polkadot e Cosmos superano Ethereum nello staking
Polkadot e Cosmos superano Ethereum nello staking
Criptovalute

Polkadot e Cosmos superano Ethereum nello staking

By Vincenzo Cacioppoli - 10 Ott 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Gli strateghi delle materie prime di Bloomberg affermano che Polkadot e Cosmos stanno superando Ethereum (ETH) per quanto riguarda lo staking.

Registrata attività di staking maggiore in Polkadot e Cosmos rispetto a Ethereum

In un recente report di Bloomberg, due analisti specializzati in materie prime Mike McGlone e Jamie Douglas Coutts hanno sottolineato un nuovo fattore, che sta rendendo le criptovalute Polkadot e Cosmos migliori della blockchain di Ethereum. 

Nell’ultimo rapporto Bloomberg Intelligence: Crypto Outlook, i due analisti affermano che in termini di struttura delle commissioni e sistema di emissione, Ethereum gode di un forte dominio su gran parte del mercato. Ma questo adesso sembra non essere più sufficiente per mantenere questa dominanza sul mercato:

“La quota di mercato dominante di Ethereum in termini di reddito da commissioni e una solida politica monetaria, è probabile che l’impiego di capitale nell’economia crittografica inizi a valutare il rischio rispetto al tasso reale/corretto di Ethereum”. 

Secondo i due strateghi di Bloomberg, Polkadot e Cosmos due delle più agguerrite blockchain rivali di Ethereum, stanno offrendo un alto rendimento di staking a livello reale, che le rende sicuramente più interessanti per gli investitori rispetto ad Ethereum:

“Nell’elenco di criptovalute di livello 1 di Bloomberg, solo due reti hanno rendimenti reali che vengono scambiati con uno spread positivo rispetto al tasso di riferimento di Ethereum del 5,03%. Polkadot viene scambiato con un premio dello 0,77% mentre Cosmos con un premio dello 0,10%. Le attività che vengono scambiate a spread negativi possono essere vittime di prezzi errati. L’inflazione/emissione per questi asset potrebbe dover subire una riduzione radicale, simile a Ethereum, per attirare più capitale”.

L’importanza dello staking nel mondo crypto

Secondo Mcglone e Coutts lo staking sta diventando un elemento assai importante per il settore e i due lo paragonano all’investimento in obbligazioni: 

“L’emergere delle criptovalute come asset class in combinazione con una componente di rendimento presenta una nuova serie di considerazioni per gli investitori quando valutano le opportunità di rischio/rendimento in questo spazio. Data la volatilità e la novità della domanda di utilizzo di smart contract, lo staking degli asset potrebbe essere considerato equivalente ai junk bond. I rendimenti per il proof-of-stake sono simili alle obbligazioni societarie in quanto sono legati alle commissioni/flussi di cassa della rete/azienda”.

Polkadot e Cosmos offrono rendimenti superiori ad Ethereum e ad altre blockchain come sostengono nel loro report i due analisti di Bloomberg: 

“Polkadot viene scambiato con un premio dello 0,77% mentre Cosmos con un premio dello 0,10%. Le attività che vengono scambiate a spread negativi possono essere vittime di prezzi errati. L’inflazione/emissione per questi asset potrebbe dover subire una riduzione radicale, simile a Ethereum, per attirare più capitale”.

Spesso Polkadot, ma anche Cosmos ed Avalanche, sono state definite in passato Ethereum Killer, proprio per i loro più bassi costi di transazione e maggiore sostenibilità e scalabilità delle loro blockchain.

Ma il calo del mercato crypto di questi mesi e di alcuni settori come quello della DeFi e soprattutto degli NFT, ha colpito l’ascesa di queste blockchain. Ethereum mantiene ancora circa il 70% della quota di mercato e il suo nuovo aggiornamento, Merge, potrebbe renderla ora anche più attraente per gli investitori anche per la metrica presa in considerazione dai due analisti di Bloomberg.

Vincenzo Cacioppoli

Vincenzo è genovese di nascita ma milanese di adozione. E' laureato in scienze politiche. E' un giornalista, blogger, scrittore, esperto di marketing e digital advertising. Dopo una lunga esperienza nel marketing tradizionale, comincia attività con il web e il digital advertising nel 2011 fondando una società Le enfants. Da sempre appassionato di web e innovazione, nel 2018 approfondisce le tematiche legate alla blockchain e alle criptovalute. Trader indipendente in criptovalute dal marzo 2018, collabora con aziende del settore come content marketing specialist. Nel suo blog. mediateccando.blogspot.com, da tempo si occupa soprattutto di blockchain, che considera come la più grande innovazione tecnologia dopo Internet. A novembre è prevista l'uscita del suo primo libro sulla blockchain e il fintech.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.