Il circuito Visa a sostegno dell’inclusione finanziaria
Il circuito Visa a sostegno dell’inclusione finanziaria
News dal Mondo

Il circuito Visa a sostegno dell’inclusione finanziaria

By Alessia Pannone - 20 Ott 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Il circuito Visa ha annunciato oggi una partnership con la società di pagamenti fintech Thunes per espandere il loro accesso ai portafogli digitali che collegano i mercati emergenti con il resto del mondo.

Attraverso questa partnership, la piattaforma di pagamenti B2B di Thunes si collegherà al circuito Visa Direct, aggiungendo una capacità di invio al portafoglio transfrontaliero a 78 fornitori di portafogli digitali che sono già integrati con Thunes.

Attraverso una semplice integrazione di Visa Direct, istituzioni finanziarie, governi, neo banche e operatori di trasferimento di denaro potranno utilizzare la nuova funzionalità per consentire ai consumatori e alle piccole imprese di inviare fondi ai mercati di Africa, Asia e America Latina, dove i portafogli sono in genere il vai al metodo di pagamento.

Nel dettaglio, i 1,5 miliardi di portafogli digitali raggiungeranno 44 paesi e territori. 

La collaborazione col circuito Visa

Questa partnership amplierà ora la portata del circuito Visa Direct a quasi 7 miliardi di endpoint, inclusi oltre 3 miliardi di carte e oltre 2 miliardi di conti. 

Per gli individui senza banche nei mercati emergenti, i portafogli digitali stanno guadagnando terreno come primo punto di ingresso nel sistema finanziario. I consumatori non sono tenuti ad avere una carta o un conto per caricare o ricevere fondi direttamente nel loro portafoglio digitale.

Infatti, lo scopo è quello di aprire il potenziale per una maggiore inclusione finanziaria e per consentire alle popolazioni svantaggiate l’opportunità di accedere a prodotti finanziari che hanno un impatto significativo sul modo in cui vivono e lavorano.

Questo sarà possibile grazie all’’aggiunta di 1,5 miliardi di portafogli digitali alla portata di Visa Direct. La quale, ora, aiuta a fornire l’accesso a quasi 7 miliardi di carte, conti e portafogli digitali combinati, in più di 190 aree geografiche.

Inoltre, supporta 160 valute, collegandosi a 16 reti basate su carte, 66 nazionali Schemi Automated Clearing House (ACH), 11 reti di pagamento in tempo reale (RTP) e cinque gateway di pagamento.

Le parole di Genovez e De Caluwe 

Ruben Salazar Genovez, Global Head of Visa Diretto, ha affermato:

“Da un lavoratore agricolo in Bangladesh a un giovane professionista di Londra che sta cercando di inviare denaro alla famiglia all’estero, Visa si impegna a creare più modi per consentire a individui e PMI di partecipare all’economia globale.

Siamo entusiasti di collaborare con Thunes e aiutare a consentire un accesso rapido e semplice al sistema finanziario a un numero maggiore di clienti in tutto il mondo che potrebbero utilizzare i portafogli digitali come strumento finanziario principale”.

Peter De Caluwe, CEO di Thunes, ha dichiarato:

“Siamo entusiasti del fatto che, tra tutte le società di pagamento, Visa, il leader globale nei pagamenti, stia lavorando con Thunes a questo lancio.

Grazie alla potenza combinata della scala di Visa e dell’infrastruttura di pagamento di Thunes, questa collaborazione ha il potenziale per aiutare a sviluppare una nuova era globale per pagamenti globali inclusivi e accessibili”.

Perché il circuito Visa si batte a favore dell’inclusione finanziaria

Battersi a finché l’inclusione finanziaria non sia solo un’utopia, ma una realtà concreta, è la lotta che ha intrapreso Visa. Inclusione finanziaria significa che tutti i cittadini e tutte le imprese possano contare su pagamenti comodi, sicuri e convenienti.

Vuol dire combattere la povertà della popolazione, stimolare la crescita economica di un paese e promuovere nuove opportunità commerciali.

Ma significa anche fornire altri servizi finanziari per rispondere alle rispettive esigenze quotidiane e agli obiettivi a lungo termine, per ogni parte della popolazione, soprattutto per chi è meno avvantaggiato.

Oggi, circa la metà della popolazione adulta vive nell’ambito dell’economia informale, cioè utilizza esclusivamente i contanti. Ciò significa affrontare molti ostacoli a livello finanziario, i quali rendono la vita di queste persone rischiosa, costosa e inefficiente.

Dunque, è facile comprendere quanto sia importante la battaglia che ha affrontato e affronta tuttora Visa per permettere a tutti i cittadini del mondo di essere inclusi finanziariamente nel sistema, e, di conseguenza, liberi e consapevoli. 

Unbanked: anche le crypto sono per l’inclusione finanziaria 

Prima di comprendere perché le crypto e la tecnologia blockchain siano fondamentali, o perlomeno un necessario punto di svolta, per l’inclusione finanziaria, è necessario capire chi sono coloro che vengono definiti “unbanked”.
Unbanked significa letteralmente “non bancario”, e sta ad indicare tutte le persone nel mondo che non possiedono un conto bancario o non hanno alcun tipo di servizio finanziario.

Le persone unbanked sono circa 1,7 miliardi nel mondo, di cui la metà donne, secondo l’ultimo report del World Bank Group, il gruppo di banche specializzato nell’aiuto dei settori in povertà.

Inoltre, pare che la maggior parte di queste persone unbanked vivono in paesi in via di sviluppo come Africa, India, Indonesia e Pakistan. Logicamente, carte di credito, conti bancari, ATM e altri strumenti finanziari spesso in quei luoghi non sono disponibili o accessibili a tutti.

Di conseguenza, la popolazione che vive in queste zone ha molte difficoltà, ad esempio, nell’inviare o ricevere denaro o nella costruzione di un conto di risparmio.

Qui entra in gioco la blockchain e le criptovalute, che insieme a Visa possono notevolmente migliorare la qualità di vita finanziaria di queste persone. Le crypto, infatti, possono garantire maggiore inclusione fornendo diverse possibilità.

Ad esempio, le transazioni più rapide, nuovi servizi peer-to-peer (P2P) e la ridefinizione di asset class tradizionali attraverso la creazione di un sistema finanziario decentralizzato (DeFi).

Ciò significa che, inserendo le criptovalute e il loro sistema blockchain all’interno di economie arretrate, il progresso sarà notevole per diverse ragioni. 

Prima di tutto, le crypto sono senza confini e accessibili a chiunque abbia una connessione Internet. 

Caratteristica fondamentale nelle economie in via di sviluppo, dove spesso mancano le tradizionali infrastrutture bancarie.

In secondo luogo, come sappiamo, le crypto sono incredibilmente veloci ed efficienti. Le transazioni sono elaborate in pochi minuti e le commissioni sono generalmente molto basse. Al contrario dei sistemi bancari tradizionali, in cui spesso le transazioni sono lente e costose.

Infine, non è da trascurare neanche la sicurezza dei sistemi blockchain che riguardano le criptovalute. Infatti, le transazioni vengono archiviate su una rete decentralizzata, il che le rende incredibilmente difficili da hackerare. 

Questo è vitale nelle economie in via di sviluppo, dove la criminalità informatica è una delle principali preoccupazioni.

Dunque, le criptovalute potrebbero segnare una svolta per l’inclusione finanziaria, grazie anche alla collaborazione con il circuito Visa, in quanto detengono il potenziale per fornire a milioni di persone l’accesso all’economia globale che altrimenti sarebbe fuori portata.

Alessia Pannone

Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.