Il metaverso è un flop o la rivoluzione?
Il metaverso è un flop o la rivoluzione?
Metaverse

Il metaverso è un flop o la rivoluzione?

By Alessia Pannone - 28 Ott 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Il metaverso, la futura realtà virtuale, potrebbe essere il prossimo flop oppure la prossima rivoluzione tecnologica. 

Come sappiamo, Meta, il cui nome era Facebook, sviluppa i visori di realtà virtuale Oculus Rift, mentre i metaversi abbandonati a sè stessi sono sempre più comuni.

Attraverso l’utilizzo di dati, fonti e dichiarazioni, cerchiamo di capire se il metaverso sarà un flop, l’ennesimo espediente, o se, invece, permetterà al futuro di essere a forma di realtà virtuale. 

Cosa sta succedendo al metaverso e perchè potrebbe risultare un flop

Il CEO di Altimeter Capital e investitore in Meta, Brad Gerstner, in una lettera aperta al CEO di Meta, Mark Zuckerberg, in merito al loro investimento di $10 miliardi all’anno nel metaverso, ha dichiarato questa settimana:

“Un investimento stimato di 100 miliardi di dollari in un futuro sconosciuto è enorme e terrificante, anche per gli standard della Silicon Valley. L’era degli eccessi è finita: le grandi aziende tecnologiche devono perdere peso, rimettersi in forma e guadagnarsi il diritto di vincere la prossima grande ondata di innovazione.”

Come dichiarato da Zuckerberg, Meta ha fatto un importante perno l’anno scorso per capitalizzare la crescita esplosiva del metaverso. Tuttavia, un anno dopo, l’era degli investimenti speculativi ha subito una brusca battuta d’arresto.

Questo perché i rendimenti obbligazionari aumentano e le aziende spostano la loro attenzione verso la sopravvivenza, a seguito del rallentamento finanziario globale. 

I dati attuali di Meta e le perdite registrate: flop o pioniere di una rivoluzione?

In questa situazione, Meta non fa eccezione. Infatti, il prezzo delle azioni della società è in calo di oltre il 70% nel 2022 e la loro sottoperformance rispetto ai loro grandi colleghi tecnologici ha portato gli investitori a rivolgere la loro attenzione alla spesa frivola di Meta per il metaverso.

Il fatto più agghiacciante si è verificato la scorsa notte: Meta ha perso $3,7 miliardi dalla sua divisione metaverse nel terzo trimestre, portando la perdita da inizio anno a $9,4 miliardi dagli investimenti nel metaverso

Dunque, il prezzo delle azioni Meta è sceso di un altro 20% dopo la chiamata agli utili e ha aggiunto carburante al fuoco dei critici del metaverso.

Meta è sotto attacco, ma anche il metaverso decentralizzato non sta giocando una buona partita al momento, dato che siamo in una situazione di beer market per le crypto.

Il metaverso decentralizzato e le piattaforme di gioco hanno lottato per trattenere gli utenti mentre i redditizi premi in-game si esauriscono. Sandbox, Decentraland e Axie Infinity hanno subito un forte calo degli utenti attivi giornalieri e gli investitori ne stanno prendendo atto.

Un esempio a dimostrazione della situazione critica è quello di Axie Infinity, in precedenza uno dei giochi decentralizzati in più rapida crescita. La piattaforma ha vissuto mesi particolarmente difficili e un’ondata di imminenti sblocchi di token per il token AXS, nativo del gioco, potrebbe indicare ulteriori problemi. 

Il metaverso è sotto il microscopio e la domanda è se questo tipo di tecnologia sia rivoluzionaria o semplicemente un flop imminente. 

Perché l’investimento di Meta nel metaverso potrebbe essere un flop? 

Il pesante investimento nel metaverso potrebbe essere stata una mossa rischiosa per Meta.

Due settimane dopo che Facebook è stato rinominato Meta, infatti, le crypto sono state protagoniste del picco di positività in merito al loro valore.

Dunque, è plausibile pensare, da parte degli investitori nel metaverso, che l’ultimo mercato rialzista sarebbe durato un po ‘ più a lungo di quanto non sia stato.

Invece, oggi, la società sta sottoperformando Apple di oltre il 50%, gli investitori stanno diventando più espliciti sul metaverso e chiedono maggiore chiarezza sul piano di Meta per il futuro.

Inoltre, pare che le persone siano confuse sul reale significato del metaverso, a detta di Gerstner:

“Se la società investisse 1-2 miliardi di dollari all’anno in questo progetto, allora quella confusione potrebbe non essere nemmeno un problema”.

Meta, nell’anno successivo all’annuncio, ha investito $10-15 miliardi nel metaverso e ha creato il suo universo virtuale, Horizon World, tutto da dimostrare. Tuttavia, Horizon World è diventato un metaverso sterile, secondo un rapporto del Wall Street Journal. 

Il rapporto afferma che solo il 9% dei mondi costruiti dai creatori viene visitato da almeno cinquanta persone. La maggior parte non viene mai visitata. Anche gli avatar di Horizon World devono ancora possedere le gambe.

Gli utenti hanno bisogno dei visori Quest VR di Meta per accedere al metaverso. Più della metà delle cuffie Quest, che costano $ 400 per il modello base, non vengono utilizzate sei mesi dopo l’acquisto.

L’obiettivo iniziale di Meta era di raggiungere 500.000 utenti attivi mensili per Horizon Worlds entro la fine di quest’anno, ma nelle ultime settimane ha rivisto tale cifra a 280.000. Il conteggio attuale è inferiore a 200.000, secondo i documenti interni ottenuti dal WSJ.

Uno sguardo ai mondi decentralizzati del metaverso 

I mondi decentralizzati del metaverso non stanno andando molto meglio, a detti di alcuni.

All’inizio di questo mese, Coindesk ha pubblicato un articolo che mostrava che i mondi decentralizzati, come The Sandbox e Decentraland, avevano solo poche centinaia di utenti al giorno, secondo i dati di DappRadar, nonostante le valutazioni di miliardi di dollari.

Il rapporto ha ottenuto un contraccolpo immediato, con Decentraland che ha rimproverato le cifre, sostenendo che DappRadar contava solo le interazioni con il contratto intelligente Decentraland, ovvero gli acquisti, piuttosto che gli utenti effettivi.

Decentraland lo ha paragonato al conteggio dei visitatori del centro commerciale: come contare quelli che acquistano qualcosa piuttosto che il passaggio effettivo di persone.

Sandbox, invece, il gioco basato su blockchain, pare abbia 200.000 utenti mensili, tanto che stava considerando di aumentare a una valutazione di $ 4 miliardi all’inizio di quest’anno.

Per quanto riguarda i giochi non basati su blockchain, come Roblox o Grand Theft Auto, si possono notare le loro qualità simili al metaverso e la crescita di comunità notevolmente fedeli. Le piattaforme vantano, rispettivamente, oltre 11 milioni e 17 milioni di utenti attivi mensili.

A seguito di questi dati, viene spontaneo chiedersi, il problema è veramente il metaverso che potrebbe essere un flop o lo scarso interesse dimostrato da Meta per il progetto?

Infatti, Meta non ha mostrato segni di voler recuperare il ritardo con i metaversi di gioco più affermati, nonostante abbia pompato infinitamente più soldi ai progetti. 

Forse, l’interesse di Meta è in calo in seguito al mercato ribassista, che porta con sé finanziamenti limitati e la scomparsa degli utenti. 

The Nemesis e Over: i metaversi nella top five 

The Nemesis è il metaverso internazionale nato in Italia e con sede in Svizzera, il quale vanta oltre 100 mila utenti registrati e 23 mila utenti attivi al mese. Inoltre, ci sono 600 utenti attivi al giorno.
Con questi numeri, Nemesis prende il quinto posto nella top five dei metaversi per utenti attivi. Infatti, ha registrato un 48% di crescita rispetto a settembre.

Anche Over, un altro metaverso tutto italiano, registra dei numeri straordinari. Possiamo vedere, infatti, oltre 100 mila download su Android e 30 mila proprietari di terre nel metaverso.

Con questi dati, tutto si può pensare tranne che un flop per quanto riguarda il metaverso. Dato che, se il trend continua in questo modo, metaversi come Nemesis e Over stanno decisamente sbarcando il lunario nel settore.

Alessia Pannone

Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.