Il legame tra FTX e Celsius che non conoscevamo affatto
Il legame tra FTX e Celsius che non conoscevamo affatto
Criptovalute

Il legame tra FTX e Celsius che non conoscevamo affatto

By Andrea Porcelli - 3 Nov 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

L’indagine di Dirty Bubble Media, dietro la guida di Mike Burgersburg, ha svelato dei legami tra FTX e Celsius che vedono ora il primo creditore del secondo vicino alla bancarotta. 

Le curiose connessioni finanziarie tra FTX e Celsius

Quella che poteva sembrare un’indagine superficiale, ha portato Dirty Bubble Media a scavare davvero a fondo in quelle che sembrano delle vere e proprie connessioni finanziarie tra la società di Sam Bankman Fried (SBF) e Celsius

Ispezionando in modo significativo nei registri pubblici della società in procinto di fallire, Mike Burgersburg ha notato qualcosa che pochi sarebbero riusciti a notare.

La compagnia Celsius, secondo le indagini dei registri pubblici, ha utilizzato la piattaforma di trading FTX per acquistare il proprio token (CEL) nel 2021. Gli acquisti si aggiravano intorno ai 40 milioni di CEL. Inoltre, coincidevano con un round di raccolta fondi da 750 milioni di dollari. Dopo il congelamento dei prelievi, la società di Celsius tramite l’exchange di FTX, ha avuto modo di liquidare milioni di dollari in attività dei clienti. Tali fondi servivano poi per rimborsare i prestiti DeFi.

Inoltre, FTX, la società di Sam Bankman Fried, è creditore di Celsius grazie ad un prestito di 104 milioni di dollari.

SBF e FTX erano a conoscenza delle mosse finanziarie di Celsius?

“Per essere chiari – in Voyager, le nostre offerte sono generalmente determinate da un prezzo di mercato equo, senza sconti; l’obiettivo non è quello di fare soldi acquistando attività a centesimi sul dollaro, è quello di pagare $1 su $1 e restituire $1 ai clienti.

Se dovessimo essere coinvolti in Celsius, sarebbe lo stesso.”

Le parole di Sam Bankman Fried su Twitter, lasciano intendere che sembri intenzionato ad acquisire ciò che rimane di Celsius. Facendo un paragone con la piattaforma Voyager da poco acquisita da SBF, società vicina alla bancarotta nello stesso momento di Celsius.

Perciò, si deduce che difficilmente la società a capo di FTX abbia ignorato ciò che stava succedendo sulla sua piattaforma. Principalmente perché parliamo di un flusso di denaro di 42 milioni di dollari, nei mesi di maggio fino a dicembre 2021.

Ma i movimenti di Celsius su FTX non si limitano solo a questo: tra giugno e ottobre Celsius ha inviato 750 milioni di USDC tramite FTX, tentando di usare il denaro per avviare prestiti propri. Dunque, sembra davvero impossibile che SBF non stesse monitorando i movimenti di uno dei più grandi debitori della società.

Perchè Celsius è in grave difficoltà?

La dichiarazione di bancarotta di Celsius, ha messo in mostra le gravi difficoltà della piattaforma di exchange. A complicare ulteriormente il processo di districamento di Celsius c’è l’argomentazione avanzata dai suoi investitori azionari, secondo cui dovrebbero avere la priorità sui creditori quando si dividono le attività rimanenti della piattaforma.

Celsius presenta un deficit di 1,2 miliardi di dollari costituito in gran parte da depositi di utenti, che molto probabilmente non saranno mai più rimborsati del loro investimento. 

La vera stranezza è che il valore degli asset in crypto sembri essere di 1,75 miliardi di dollari, ma l’intera market cap del token CEL, è intorno a soli 300 milioni di dollari.

Il CEO di Celsius, Alex Mashinsky, ha affermato che la società potrebbe anche vendere i Bitcoin (BTC) minati in modo da poter rimborsare almeno uno dei suoi prestiti e procurare entrate alla società in futuro. Celsius prevede di poter generare circa 15.000 BTC fino al 2023.

Secondo molte figure di spicco che vivono nel mondo delle crypto, l’azienda in mano a Mashinsky, non ha speranza e che con molta probabilità gli investitori non avranno indietro i propri soldi.

Con un tweet davvero pungente, la blogger economista Frances Coppola, descrive la sua idea delle mosse di Celsius, e descrive la sua visione di questa società come una banca ombra:

“I depositi nelle banche non sono nemmeno ‘asset dei clienti’, tanto meno ‘asset in gestione’. Sono prestiti non garantiti alla banca. Sono quindi passività della banca e sono completamente a rischio in caso di fallimento.

I correntisti di una banca non hanno alcun diritto legale sulla restituzione dei loro fondi. Anche se le condizioni del conto dicono che possono essere ritirate ogni volta che il cliente lo desidera, la banca può rifiutarsi di permettere di ritirare i fondi se non ha la liquidità per pagare.

Nonostante le condizioni d’uso affermino che non si tratta di una banca, il modello di business di Celsius è quello di una banca non autorizzata, non regolamentata e priva di assicurazione sui depositi — una banca ombra”.

Il prelievo di 10 milioni di dollari prima di dichiarare bancarotta

A destare ancora più sospetti sulle losche attività di Alex Mashinsky e la sua compagnia Celsius, è stato il prelievo di 10 milioni di dollari effettuato giorni prima della dichiarazione di  bancarotta.

Il prelievo è stato effettuato proprio dal CEO di Celsius, come se sapesse già del congelamento dei fondi dei clienti e la dichiarazione di bancarotta che sarebbero avvenute poco tempo dopo.

L’avvocato del CEO di Celsius ha dichiarato: 

Nei nove mesi precedenti a quel prelievo, ha costantemente depositato criptovalute per un totale pari a quello che ha ritirato a maggio”.

Ha poi aggiunto che Mashinsky e la sua famiglia avevano ancora 44 milioni di dollari di criptovalute congelate sulla piattaforma.

Da un mese Mashinsky non è più l’amministratore delegato di Celsius. Nonostante ciò ha dichiarato che ha intenzione di trovare un piano per risarcire gli investitori.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.