Nuovo record per XRP crypto: la vendita NFT dal valore di $44.000
Nuovo record per XRP crypto: la vendita NFT dal valore di $44.000
Blockchain

Nuovo record per XRP crypto: la vendita NFT dal valore di $44.000

By Alessia Pannone - 28 Nov 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

La crypto XRP, nativa del Ledger XRP, ha recentemente raggiunto un nuovo traguardo in termini di numero totale di vendite NFT sulla piattaforma. Infatti, secondo i dati forniti dall’ecosistema modulare basato su XRPL, onXRP, una delle raccolte NFT “XRPL Punks” ha venduto articoli per 108.900 XRP, che è equivalente e vale $ 44.000.

L’account Twitter ufficiale di onXRP ha notato che la vendita è stata il risultato di un’asta aperta di Xpunk #8811. La piattaforma non ha rivelato il nome dell’acquirente, ma ha affermato che questa persona è ben nota all’interno della comunità XRPL Punks.

Le collezioni XRPL Punks fanno numeri da capogiro: 1,78 milioni di XRP

L’ultima vendita di NFT “XRPL Punks” da $44.000 è stata commentata dall’account ufficiale di Twitter onXRP, in cui si legge:

“Il XRPL ha un nuovo record! Un XRPLPUNKS NFT è appena stato venduto per 108.900 $XRP (44000 USD). Questo è solo l’inizio per NFTonXRP”.

Le collezioni XRPL Punks, soprannominate anche Xpunks, sono state create come omaggio ai già leggendari oggetti da collezione CryptoPunks non fungibili. È anche una delle raccolte NFT più in voga su XRP Ledger.

Dopo l’applicazione del tanto atteso emendamento XLS-20 all’XRP Ledger questo autunno, gli Xpunk hanno finora scambiato un totale di 1,78 milioni di XRP.

Un’altra collezione più popolare sul libro mastro XRP è un riferimento alla leggendaria collezione NFT, il Bored Ape Yacht Club. Soprannominato Bored Ape XRP Club, è al secondo posto dopo Xpunks, con un giro d’affari di 866.533 XRP.

Ripple e la strategia NFT: potenziarli per l’accesso al più vasto pubblico 

Ripple, nota per il suo impegno nello spazio NFT, ha lanciato un Creator’s Fund da $250 milioni per portare grandi progetti NFT su XRP Ledger. 

All’inizio di questo mese, Ripple ha infatti collaborato con Ethereal Labs per rafforzare l’ecosistema Web3, portando NFT e risorse crittografiche alle masse tramite XRP Ledger, partnership personalizzate e collaborazioni.

L’obiettivo alla base di questa partnership è potenziare la strategia NFT di Ripple e quindi portare gli NFT a un pubblico più ampio.

Mentre Ripple continua a scontrarsi con la SEC statunitense sulla battaglia dei titoli per XRP, la società ha continuato a lavorare su altri aspetti del suo ecosistema. Tuttavia, questa battaglia legale in corso con la SEC potrebbe rovinare i suoi progetti futuri. 

Come sappiamo, Ripple ha presentato le sue soluzioni XRP alle banche per pagamenti transfrontalieri istantanei in tutto il mondo. Tuttavia, il gigante bancario JPMorgan, che sta lavorando attivamente alle soluzioni blockchain, ha scelto MATIC e AAVE per regolare le transazioni forex da USD a JPY.

Dopo questo sviluppo, l’influencer crittografico Lark Davis ha messo in dubbio la proposta di valore per XRP. Il fondatore di CryptoLaw, John Deaton, ha risposto affermando che il fatto che l’XRP crypto continui a essere tra le prime dieci risorse digitali nonostante tutte le difficoltà, la dice lunga sul suo successo.

Dubbi per XRP crypto: è centralizzata? Ecco cosa dicono i dirigenti di Ripple 

Pare che una nuova polemica sia emersa negli ultimi giorni in merito al decentramento di XRP Ledger e della criptovaluta che lo alimenta, XRP. Gli argomenti per le tesi dei dubbiosi sono stati presentati dall’ex direttore dello sviluppo di Ripple, Matt Hamilton, e dall’attuale CTO della società, David Schwartz.

Nello specifico, tutto parte dalla tesi secondo cui XRPL, essendo una blockchain che genera entrate pari a zero, non può offrire guadagni ai validatori, il che scoraggia gli indipendenti dalla partecipazione alla rete. 

Inoltre, la mancanza di guadagni genera una mancanza di validatori indipendenti, il che pone la minaccia che XRPL venga rilevato da Ripple e affiliati.

Hamilton ha convenuto che le entrate della blockchain sono pari a zero, il che è ciò che la rende decentralizzata in quanto gli interessi dei validatori e degli utenti sono allineati. Per quanto riguarda l’acquisizione della rete tramite validatori subordinati, l’ex capo sviluppatore dell’azienda ha dichiarato che Ripple controlla solo il suo elenco di nodi univoci (UNL). 

Se Ripple provasse a “prendere il controllo” di altri validatori, tuttavia, gli altri nodi li escluderebbero semplicemente dai loro UNL. Infatti, questo è quanto si legge sull’account Twitter ufficiale di Hamilton, che dichiara: 

“La rete è decentralizzata e Ripple controlla solo il *loro* UNL. Non controllano il mio UNL. Non controllano il tuo UNL. È decentrato. È una domanda che non riesci a capire. Ripple può tentare ciò che vuole, ma sarebbe inutile. Lo sanno”.

Anche David Schwartz ha risposto a un’altra argomentazione riguardante gli emendamenti che i validatori potrebbero provare a portare al voto. Infatti, è stato affermato che se i validatori votano con successo per una modifica e i nodi non sono d’accordo, si separano semplicemente l’uno dall’altro, cioè si verifica un fork. 

Questa domanda era basata sulla duplice natura del voto che, se da una parte può generare più XRP, dall’altra ha anche il potere di bruciare tutto l’XRP detenuto da Ripple.

In merito alla questione, come riportato da U.Today, XRP Ledger Foundation ha rimosso due validatori controllati da Ripple e ne ha aggiunto uno all’inizio di ottobre. Al momento, secondo quanto riferito, Ripple controlla 2 validatori su 35, ovvero meno del 6% di tutta la capacità. Nel frattempo, la società detiene 44 miliardi di XRP in conti di deposito a garanzia.

Alessia Pannone

Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.