Chainlink lancia lo staking per aumentare i servizi di sicurezza delle crypto
Chainlink lancia lo staking per aumentare i servizi di sicurezza delle crypto
Blockchain

Chainlink lancia lo staking per aumentare i servizi di sicurezza delle crypto

By Andrea Porcelli - 7 Dic 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Gli staker guadagneranno LINK, la crypto di Chainlink, mentre partecipano a un sistema di avviso decentralizzato che contrassegna la rete quando i feed non soddisfano i requisiti di esecuzione. 

Chainlink vuole aumentare la sua sicurezza economica nell’ecosistema delle crypto

Lo staking è una parte del meccanismo che alcune criptovalute, nello specifico quelle basate sul protocollo Proof of Stake, sfruttano per verificare le transazioni eseguite. Questo processo consente anche agli staker di avere ricompense sotto forma di criptovalute e far crescere il proprio wallet.

Il progetto che ha in mente Chainlink è quello di far guadagnare token LINK ai suoi staker, tramite la partecipazione ad un sistema di avviso decentralizzato che contrassegna la rete quando i feed non soddisfano i requisiti di esecuzione. 

L’obiettivo principale gira tutto alla voglia della blockchain di concentrarsi sulla sicurezza e sulla crescita sostenibile. Questa nuova funzione è parte integrante degli sforzi “Chainlink Economics 2.0”. Con il meccanismo di staking appena lanciato, i titolari di token Chainlink hanno un ulteriore modo per guadagnare contribuendo ad aumentare la sicurezza della piattaforma oracle.

“Mentre la rete continua ad espandersi, Chainlink Staking continuerà ad evolversi e a fornire una maggiore sicurezza in tutto il nostro ecosistema e in tutto Web3”.

Così ha affermato Sergey Nazarov, uno dei fondatori di Chainlink. Il co-fondatore Nazarov, vede il progetto di staking come una piattaforma di lancio per Chainlink Economics 2.0.

Il continuo rilascio da parte del team di Chainlink di servizi Oracle attraverso le varie blockchain, ha richiesto un nuovo supporto per la sicurezza della rete. Sergey Nazarov, ha inoltre spiegato che: 

“La rete Chainlink è cresciuta con successo per supportare una parte significativa e crescente della DeFi e molti altri nuovi verticali di contratti intelligenti, consentendo oltre 6,6 trilioni di dollari di valore delle transazioni quest’anno”.

I trader prevedono che il lancio dello staking aumenterà la domanda di token LINK e dei servizi oracoli della piattaforma.

Chainlink da più vicino: di cosa si occupa la blockchain?

Chainlink è una blockchain che consente di mettere in comunicazione il mondo crypto con i dati provenienti da fonti esterne. Per farlo utilizza una rete di Oracle decentralizzata che permette l’invio di flussi di dati affidabili ed attendibili ad altre blockchain per permettere di eseguire azioni da parte degli smart contract.

La blockchain funziona anche grazie alla sua crypto nativa LINK che risulta essere anche un potenziale asset su cui investire a medio e lungo termine.

Chainlink espande notevolmente le capacità degli smart contract consentendo l’accesso ai dati del mondo reale per effettuare calcoli al di fuori della catena, e fornisce questi dati in formato comprensibile assicurando l’affidabilità grazie alla propria tecnologia.

Tutte le aziende che utilizzano Chainlink possono accedere alle principali blockchain come Ethereum, Solana e tutte le altre. Possiamo dunque definire progetti come Chainlink una sorta di ponte tra il mondo decentralizzato della blockchain e quello tradizionale.

L’infrastruttura di Chainlink offre una serie di servizi: la rete decentralizzata e l’API (Application Programming Interface). La rete utilizza un servizio di Chainlink Automation in grado di automatizzare molte operazioni e ridurre gli interventi manuali. 

Inoltre, le soluzioni proposte da Chainlink sono collaudate nel tempo e questo ha consentito di proteggere i fondi a cui accedono le applicazioni decentralizzate più utilizzate del mercato crypto. 

Sebbene questo meccanismo di staking di Chainlink abbia ancora raggiunto le fasi preliminari di progettazione (alla fine del 2021), il potenziale di disporre di misure di sicurezza drastiche ed esponenziali fornirebbe un valore incredibile quando la qualità e l’affidabilità dei dati forniti da Oracle sono fondamentali per le prestazioni ottimali dei contratti intelligenti basati su Chainlink.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.