Crypto news per le CBDC: le decisioni della BCE e della banca centrale del Kazakistan
Crypto news per le CBDC: le decisioni della BCE e della banca centrale del Kazakistan
Criptovalute

Crypto news per le CBDC: le decisioni della BCE e della banca centrale del Kazakistan

By Alessia Pannone - 23 Dic 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Tutte le ultime crypto news che riguardano le CBDC: le central bank digital currency, le valute digitali emesse da una banca centrale anziché da una banca commerciale. A quanto pare, ci sono due fronti opposti. 

Da una parte, la Banca Centrale Europea, che fa un passo indietro in merito all’utilizzo della tecnologia blockchain. Dall’altra, la Banca Centrale del Kazakistan che raccomanda un’implementazione graduale della CBDC tra il 2023 e il 2025. 

Una valuta digitale della banca centrale, o CBDC, è una versione digitale della valuta fiat di una regione, emessa dall’autorità monetaria della regione. Alcuni paesi hanno agito più velocemente di altri verso la propria valuta digitale nativa. La Cina, ad esempio, si è mossa rapidamente verso la prospettiva del proprio CBDC, chiamato yuan digitale.

Le CBDC differiscono dalle stablecoin cripto-native emesse dalle entità del settore delle criptovalute. Tali stablecoin mirano infatti a tracciare il valore delle attività sottostanti, come il dollaro USA, sebbene le stesse stablecoin non siano valute regionali ufficiali e siano spesso supervisionate dalle società.

Crypto news per CBDC: la BCE insicura sulla tecnologia blockchain 

La notizia viene riportata anche sull’account Twitter di Whale Chart, in cui si legge:

“La Banca centrale europea non è sicura se utilizzerà la tecnologia blockchain per l’euro digitale.” 

Dunque, la BCE sta continuando la sua indagine sull’euro digitale con più parti del potenziale sistema compilate, ma non è stato preso alcun impegno nei confronti della tecnologia blockchain o addirittura della sua emissione.

La Banca centrale europea (BCE) ha documentato le sue decisioni in merito allo stato di avanzamento in un secondo rapporto, che descrive le opzioni di progettazione e distribuzione recentemente approvate dal suo consiglio direttivo.

Il rapporto prende in considerazione quattro questioni cruciali, più o meno in linea con la tempistica che la BCE si è prefissata. La quale culmina provvisoriamente in una decisione sull’opportunità di passare dalla fase di indagine a quella di realizzazione dei lavori nel terzo trimestre del 2023.

Il rapporto delinea i ruoli dell‘Eurosistema e degli intermediari. In particolare, stabilisce che gli intermediari vigilati sarebbero responsabili di tutti i ruoli di gestione e di contatto con gli utenti nel sistema. 

Le banche centrali che compongono l’Eurosistema verificherebbero e registrerebbero le transazioni, correggerebbero gli errori in tale processo e si assumerebbero la responsabilità della loro accuratezza. Tuttavia, l’euro digitale sarebbe progettato in modo da ridurre al minimo il coinvolgimento dell’Eurosistema nel trattamento dei dati degli utenti, secondo il rapporto.

Le transazioni peer-to-peer offline con euro digitali convalidati potrebbero essere regolate in un dispositivo di archiviazione digitale e successivamente verificate e registrate attraverso elementi sicuri nei dispositivi hardware.

Inoltre, a gennaio 2023, la BCE inviterà i nuovi entranti nel mercato a partecipare a ricerche per ottenere una panoramica delle opzioni per la progettazione tecnica di possibili componenti e servizi dell’euro digitale CBDC. 

Ad ogni modo, attualmente la BCE non è impegnata nella tecnologia blockchain, come si legge nel rapporto:

“L’Eurosistema potrebbe fare affidamento sulla tecnologia tradizionale, sulla tecnologia di registro distribuito o su una combinazione di entrambe per le attività di regolamento. L’Eurosistema non ha ancora preso una decisione sulla tecnologia più adatta per un euro digitale.” 

Il finanziamento e il defunding, conversione di denaro da e verso la forma digitale, dovrebbero includere meccanismi per gestire le transazioni che superano i limiti fissati sui conti in valuta digitale, con accesso automatico ai conti bancari dei titolari.

Per un’equa distribuzione dell’euro digitale, afferma il rapporto, sarebbe necessario un insieme di regole, standard e procedure pan-euro che formino uno schema. Nello specifico, l’obiettivo dello schema riportato nel documento sarà: 

“Il pagamento in euro digitale dovrebbe sempre essere un’opzione, indipendentemente dall’entità con cui gli utenti finali aprono conti o portafogli digitali in euro e dal loro paese di origine.” 

Altra news per le crypto CBDC: le decisioni del Kazakistan 

Dalle ultime notizie si apprende che la banca centrale del Kazakistan ha raccomandato di rendere disponibile il CBDC interno già nel 2023, con un’espansione graduale delle funzionalità e l’introduzione nelle operazioni commerciali fino alla fine del 2025.

Kazakistan, il terzo Bitcoin più grande del mondo, hub minerario dopo gli Stati Uniti e la Cina, ha trovato la motivazione nel lanciare la sua valuta digitale della banca centrale interna (CBDC) , un tenge digitale. La Banca nazionale del Kazakistan (NBK) ha rivelato il risultato dopo il completamento della seconda fase dei test. 

Alla fine di ottobre, il CEO di Binance, Changpeng “CZ” Zhao, ha annunciato che il CBDC del Kazakistan sarebbe stato integrato con BNB Chain, una blockchain creata dall’exchange di criptovalute. La motivazione principale del Paese per condurre studi sulla CBDC era testare il suo potenziale per migliorare l’inclusione finanziaria, promuovere la concorrenza e l’innovazione nel settore dei pagamenti e aumentare la competitività globale della nazione.

La ricerca pilota si è concentrata sui pagamenti offline e sulla programmabilità,  raccomandando l’inclusione di partecipanti al mercato e degli attori dell’infrastruttura per diversi scenari. Inoltre, proponendo un linguaggio chiarificatore che dovrà essere utilizzato dalle autorità di regolamentazione del paese. 

L’ultimo documento di ricerca ha cementato l’intenzione del Kazakistan di implementare il tenge digitale, come cita il rapporto: 

“Tenendo conto della necessità di miglioramenti tecnologici, preparazione dell’infrastruttura, sviluppo di un modello operativo e di un quadro normativo, si raccomanda di garantire un’implementazione graduale nell’arco di tre anni.” 

Inoltre, poiché molti russi hanno attraversato il confine verso i paesi  vicini tra le incertezze legate alla guerra, il Kazakistan ha annunciato di legalizzare un meccanismo per convertire le criptovalute in contanti. 

Il Presidente Kassym-Jomart Tokayev, durante un intervento al forum internazionale Digital Bridge 2022, ha dichiarato in merito:

“Siamo pronti ad andare oltre. Se questo strumento finanziario mostrerà la sua ulteriore rilevanza e sicurezza, riceverà sicuramente pieno riconoscimento legale.” 

Le previsioni del 2023 per le crypto CBDC

Nonostante l’entusiasmo diffuso tra i governi e le banche centrali, l’adozione dei progetti di valuta digitale esistenti non è così rapida, anzi, il tutto sembra essere caratterizzato da una forte incertezza. 

Infatti, esistono diversi ostacoli all’adozione che agiscono contro i CBDC. Come afferma il Fondo Monetario Internazionale (FMI) nel suo documento sui pagamenti istantanei, dal punto di vista dei consumatori, c’è poca differenza tra i sistemi di pagamento istantaneo e le CBDC, poiché entrambi sono veloci, sostenuti dal governo centrale e gratuiti.

Pertanto, le CBDC devono fornire vantaggi tangibili agli utenti per passare da un sistema già funzionante ad un altro. Ad esempio, l’e-rupee dell’India prevede di prendere di mira coloro che non dispongono di conti bancari, a differenza dell’UPI, che consente i trasferimenti da banca a banca. Inoltre, l’UPI non consente transazioni transfrontaliere, ma i CBDC possono potenzialmente affrontare questo problema una volta stabilito uno standard globale.

Ad ogni modo, sembra ci saranno incentivi su vasta scala e campagne di marketing per aumentare l’adozione del CBDC. Questi potrebbero variare da denaro gratuito e vantaggi fiscali a esenzioni dalle commissioni sulle transazioni estere e stipendi del settore pubblico pagati con CBDC.

Tuttavia, nei paesi con leggi finanziarie più restrittive, l’incentivazione potrebbe avere un esito molto diverso, a volte violando i diritti umani fondamentali. Ad esempio, la Nigeria prevede di vietare i prelievi di contanti da bancomat superiori a $225 a settimana, con importi superiori che comportano una commissione di elaborazione del 5%. 

Questo è un chiaro tentativo di rafforzare la politica senza contanti della Nigeria e l’adozione poco brillante del suo CBDC, eNaira, che ha un tasso di adozione di appena lo 0,5% circa rispetto alla popolazione del paese. 

Quindi, tutto porta a pensare che, nonostante alcuni esperti credono che le CBDC siano il futuro del denaro, la transizione alle CBDC sarà lenta e, molto probabilmente, parziale. E questo se i CBDC avranno il successo necessario. 

Tuttavia, secondo un rapporto della Banca dei regolamenti internazionali (BRI) , le CBDC potrebbero trovare un caso d’uso nel facilitare i pagamenti transfrontalieri, migliorare gli orari di apertura limitati delle banche e le lunghe catene di transazioni.

Alessia Pannone

Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.