Focus sulle crypto Binance coin, Ripple e Tron
Focus sulle crypto Binance coin, Ripple e Tron
Criptovalute

Focus sulle crypto Binance coin, Ripple e Tron

By George Michael Belardinelli - 20 Gen 2023

Chevron down
Ascolta qui
download

Binance Coin, Ripple e Tron stornano nell’ultima settimana, ma tutte e tre le crypto crescono in doppia cifra dall’inizio dell’anno, uno sguardo alla quotazione di mercato e alle ultime notizie. 

Analisi delle crypto Binance Coin (BNB), Ripple (XRP) e Tron (TRX)

Binance Coin cresce da novembre 2022 ed ottima è anche la situazione di Ripple (XRP) che si appresta a mettere la parola fine alla causa con la SEC, Tron intanto si appresta a rompere l’ennesima resistenza. 

Binance coin (BNB) 

Il token nativo dell’exchange più accreditato al mondo, BNB, tocca i 271,62 Euro e mette la parola fine allo storno dell’ultima settimana con un +2,36%. 

Negli ultimi cinque giorni, il Token aveva registrato una flessione del 3,56% ma da inizio mese le cose vanno più che bene se consideriamo il fatto che il valore è cresciuto del 20%. 

La capitalizzazione di mercato di BNB è di 42.62 miliardi di Euro con un volume giornaliero di 434.14 milioni di Euro. 

Queste cifre valgono a Binance Coin la quinta posizione nella speciale classifica del market cap. 

Al momento in circolazione esistono 158,90 milioni di Euro di BNB (Binance Coin). 

La crescita di valore in realtà parte da lontano ovvero da novembre dello scorso anno raggiungendo quasi quota 300 dollari per BNB. 

La crescita del Bitcoin spesso è vista come traino per l’intero comparto crittografico e di norma ciò accade davvero ma in questo caso potrebbero essere stati i fondamentali del token stesso a spingere Binance Coin così in alto in quanto il pump è in atto da mesi. 

Il comparto delle criptovalute potrebbe andare incontro ad una stagione di iper-regolamentazione volta ad evitare fallimenti come quelli avvenuti nell’ultimo anno e tutelare i consumatori. 

Questa stretta legislativa potrebbe favorire il pump di quest’anno o bloccarlo.

Il volume sugli scambi di BNB è di certo un punto a favore per la corsa di Binance Coin a nuovi livelli di prezzo.

Le previsioni ribassiste che sono tuttavia in minoranza in questa fase puntano su uno shock della fiducia degli utenti. 

Il pessimismo che è sempre dietro l’angolo potrebbe essere alimentato dalla SEC che potrebbe mettere i bastoni tra le ruote a Binance Coin.

Ripple (XRP) 

Ripple (XRP) quota 0,36 Euro in crescita del 3,44% da ieri ma viene da una settimana di storno. 

Con il nuovo anno però il token ha risalito la china del 18% facendo ben sperare gli investitori che aspettano il vero market maker per XRP ovvero la sentenza della causa intentata dalla Securities and Exchange Commission nei suoi confronti. 

Il CEO di Ripple, Brad Garlinghouse crede che la contesa legale che vede contrapposta la società alla Securities and Exchange Commission americana possa concludersi già tra quattro mesi con una vittoria storica. 

Durante il World Economic Forum a Davos, Garlinghouse ai microfoni della CNBC, ha dichiarato:

“Ci aspettiamo una decisione da parte di un giudice entro la fine dell’anno. Non possiamo controllare quando il giudice prenderà la sua decisione ma sono ottimista del fatto che nei prossimi mesi questo caso avrà finalmente una chiusura”. 

Il CEO della società etichetta come imbarazzante il comportamento dell’ente regolatore statunitense. 

“in quanto cittadino americano, in certi casi il comportamento della SEC è stato imbarazzante. Durante questo caso sono successe cose davvero assurde”. 

Nonostante la Securities and Exchange Commission americana abbia raggiunto tre accordi consecutivi con la società dello spin ha comunque intentato una causa dimostrandosi scorretta e non di parola. 

“Nemmeno una volta mi hanno detto: pensiamo che XRP potrebbe essere una security. Poi all’improvviso dichiarano: Abbiamo sempre pensato che XRP fosse una security, semplicemente non te lo abbiamo detto. Non mi sembra una partnership salutare tra settore pubblico e privato”. 

Tron (TRX) 

Tron nasce sei anni fa dal genio del fondatore Justin Sun, è una blockchain Delegated Proof of Stake.

Tron Foundation, ha doppia sede, una in America a San Francisco e l’altra a Singapore. 

La società si occupa principalmente di premiare i content creator senza passare da un intermediario tramite TRX. 

Il token di Tron, Tronix (TRX) funge da ricompensa ai creatori. 

La società inoltre si divide in tre sezioni, archiviazione, apps e core. 

Ogni sei ore vengono scelti 27 rappresentanti per bloccare o convalidare le transazioni, il processo si chiama in gergo Delegated proof of Stake. 

TRX è nato sulla Chain Ethereum, ma ora si è spostato su quella del protocollo stesso di Tron nel 2018.

Lo strumento offre la possibilità di creare da zero nuove DApp, contratti intelligenti ed accedere a una serie di progetti DeFi

Oggi Tron vale 0,055 Euro e registra una crescita dell’1,59% in un giorno e del 10% da inizio anno. 

Il prezzo attuale corrisponde ai minimi di dicembre scorso ma non riesce a bucare la resistenza subito sotto di 0,046 dollari come già successo a giugno di due anni fa e a giugno del 2022.

Tron punta dritto alla resistenza di 0,6350 dollari per poi affrontare quella dello 0,70 dollari, vero argine alla bull run per il momento. 

La capitalizzazione di mercato di Tron (TRX) è di 5.06 miliardi di Euro con un volume giornaliero di 171.60 milioni di Euro. 

In circolazione, ad oggi, esiste il controvalore di 91,86 miliardi di Euro in Tron. 

George Michael Belardinelli

Ex Corporate manager presso Carifac Spa e successivamente Veneto Banca Scpa, blogger e Rhumière, negli anni si appassiona alla filosofia e alle opportunità che l'innovazione e i mezzi di comunicazione ci mettono a disposizione, in fissa con il metaverso e la realtà aumentata

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.